Dolomiti Unesco e Mountain Wilderness, l’impegno per tenere in alto quel riconoscimento mondiale

Un incontro per condividere la volontà di operare favorendo la collaborazione tra tutti gli attori impegnati nella valorizzazione, nella promozione integrata e nella gestione coordinata dell'ambito che comprende Trentino, Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.

Dolomiti

Il Consiglio di amministrazione della fondazione Dolomiti Unesco ha incontrato i vertici di Mountain Wilderness lunedì 7 settembre. Da quanto reso noto dalla Provincia, durante l’incontro è stata espressa la volontà reciproca di operare favorendo la collaborazione tra tutti gli attori impegnati nella valorizzazione, nella promozione integrata e nella gestione coordinata dell'ambito che comprende Trentino, Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia-Giulia. Durante l’incontro è stato mostrato un dossier dall'associazione ambientalista redatto dalle realtà che sono impegnata sul territorio. La Fondazione, come spiegato dalla Provincia, favorisce lo scambio e la gestione coordinata fra i territori coinvolti.

Il riconoscimento Unesco non è, per la Fondazione, da considerare una forma di tutela né un vincolo, ma un'opportunità per le comunità locali per la conservazione attiva del patrimonio mondiale. Il ruolo della Fondazione è quello di agire come una piattaforma di dialogo e confronto a livello interregionale, un luogo di negoziazione dei conflitti attraverso la promozione di conoscenza e la costruzione del cambiamento, anche attraverso la raccolta coordinata dei dati e il monitoraggio del sito, la cui gestione è affidata alle Province autonome e alle Regioni.

«La Fondazione – ha evidenziato il presidente - ha avviato uno studio pilota in collaborazione con l'università Cà Foscari, dedicato alle aree delle Tre Cime di Lavaredo e di Braies con l'utilizzo di big data, funzionali all’elaborazione di strategie di gestione mirate per quanto riguarda ad esempio la mobilità e il turismo sostenibile. A tal proposito, un focus è stato dedicato ai balconi panoramici, punti di osservazione realizzati in luoghi strategici, lungo sentieri già molto frequentati, che hanno lo scopo di creare consapevolezza nell'osservatore rispetto al patrimonio mondiale. Proprio per valorizzare il paesaggio naturale è strato realizzato uno studio dedicato alle cosiddette strutture obsolete, rispetto alle quali sono state messe in campo delle azioni concrete: in Trentino, ad esempio, è stato rimosso l'ecomostro di Passo Rolle, mentre in Alto Adige sono state interrate le linee elettriche della Val di Sesto e del rifugio Molignon, è stata rimossa la pala eolica Tierser Alp e ristrutturata la cappella dell'ex rifugio Dialer. Non mancano infine i segnali positivi della capacità di attivarsi per la conservazione attiva da parte dei territori, come ad esempio la volontà del Comune di Nova Levante di gestire la mobilità sulla strada del Nigra favorendo la mobilità ciclabile e l'accessibilità per tutti, dai disabili motori alle famiglie con i passeggini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Trento, spacciatore sfida la polizia: «Sapete che sono uno spacciatore, ma oggi con me non lavorate». Arrestato in piazza

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

Torna su
TrentoToday è in caricamento