Cronaca località Vetriolo

Pistola modificata per cacciare caprioli di notte: bracconieri arrestati

Sono stati fermati nei boschi di vetriolo ed ora si trovano in carcere a Bolzano i due 35enni valsuganotti, accusati di detenzione illegale di armi

L'arma sequestrata dai CC di Borgo Valsugana

Fermati di notte nei boschi con armi abusive nell'auto. Sono stati denunciati i due bracconieri che sono incappati in un controllo dei Carabinieri di Borgo Valsugana mentre tornavano da una battuta di caccia notturna, naturalmente illegale, nei boschi di Vetriolo, in località Prati.

I militari hanno visto l'auto scendere dalla strada boschiva e, visto che in quei luoghi ed a quell'ora (erano le 22.30 circa) non sono molte le auto che transitano, hanno deciso di fermarla. A bordo due valsuganotti, entrambi 35enni, uno dei due guardia giurta l'altro operaio.

Il nervosismo mostrato dai due ha convinto i carabinieri ad approfondire i controlli: il capanello d'allarme è stata una munizione calibro 22 trovata in tasca ad uno dei due. I militari sono quindi passati al controllo degli zaini: 14 munizioni dello stesso tipo, criche, e 31bossoli. 

Infine, nascosta sotto al sedile del conducente, è stata ritrovata una pistola sportiva monocolpo marca Thompson modello Encore Remingtn Fireball, calibro 221, modificata e dotata di cannocchiale. In pratica la pistola era stata trasformata in un micidiale fucileda caccia al capriolo.

L'arma, che aveva il colpo in canna, è stata immediatamente sequestrata. La perquisizione è proseguita nelle abitazioni dei due dove sono state ritrovate altre munizioni e armi, tutte riconducibili al bracconaggio. I due soono stati arrestati e condotti al carcere di Bolzano in attesa di giudizio. Il porto d'armi di entrambi automaticamente revocato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pistola modificata per cacciare caprioli di notte: bracconieri arrestati

TrentoToday è in caricamento