rotate-mobile
Cronaca Comano Terme / località Ponte Arche

Vendite porta a porta ingannevoli: da Ponte Arche la segnalazione all'Antitrust

Offrivano, sia telefonicamente che con visite porta a porta, buoni sconto per elettrodomestici facendosi in realtà firmare veri e propri contratti, vincolanti per migliaia di euro. Dalla segnalazione di alcuni cittadini giudicariensi l'indagine dei carabinieri che ha portato il caso all'Antitrust

Segnalazione all'antitrust partita dalle Giudicarie per un'azienda di vendite porta a porta con sede legale a padova che dovrà ora giustificare all'autorità garante per il commercio i suoi metodi di promozione. La tesi dei carabinieri di Ponte Arche che hanno svolto un'attenta analisi dopo la segnalazione da parte di alcuni cittadini, è che l'azienda in questione spacciasse per buoni sconto quelli che in realtà erano dei veri e propri contratti di acquisto.

"Dopo aver prospettato ai consumatori, sia telefonicamente che mediante visite a domicilio, la possibilità di ricevere un buono sconto per l'acquisto di prodotti per la casa ed elettrodometici a prezzi di favore, l'azienda ha tentato di ottenere la sottoscrizione di un modulo di adesione, risultato essere invece un contratto vincolante per acquisti del valore di diverse migliaia di euro" si legge nel comunicato. E' risultato poi che l'azienda era già nota all'antitrust per pratiche commerciali ingannevoli e aggressive: la sanzione parte da 5.000 euro fino ad un massimo di 5 milioni. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendite porta a porta ingannevoli: da Ponte Arche la segnalazione all'Antitrust

TrentoToday è in caricamento