menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avvelenate le trote dell'Associazione pescatori, danni per mezzo milione di euro

I carabinieri del Nucleo ambientale indagano sulla strage di trote morte per avvelenamento all'allevamento gestito dall'associazione a Vigolo Vattaro

Trote sterminate da un avvelenamento del quale si cercano ancora le cause: a constatare purtroppo il decesso di centinaia di pesci nell'allevamento Tamanini di Vigolo Vattaro sono stati i pescatori di Trento, che gestiscono l'allevamento da riproduzione. La notizia è riportata dal quotidiano L'Adige ed è stata ripresa dall'Ansa.

Sulla vicenda indagano i Carabinieri del Noa, il nucleo ambientale, per comprendere se si sia trattato di un atto volontario o di uno sversamento accidentale. I danni economici sfiorano il mezzo milione di euro, ma a questo si deve aggiungere la perdita delle preziose trote marmorate, tutti esemplari dell'età di 5-6 anni, all'apice della capacità riproduttiva. Le trote dell'allevamento Tamanini avrebbero consentito l'immissione nei fiumi Noce, Avisio e Adige di decine di migliaia di avannotti di trota marmorata, una varietà molto apprezzata dai pescatori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento