Vuole gettarsi dal ponte di Mostizzolo: i carabinieri sventano un altro suicidio

Dopo il caso di Pinè un altro suicidio sventato dai carabinieri, questa volta in Val di Non

Ha salutato la sorella lasciando cadereil cellullare nel vuoto l'uomo che questa mattina ha scavalcato il parapetto del ponte di Mostizzolo con l'intento di farla  finita. Un tragico intento fortunatamente vanificato dall'intervento dei carabinieri.

La sorella, rivoltasi immediatamente al 112 ben sapendo he il fratello soffriva da annni di depressione, è riuscita a fornire alcune informazioni fondamentali per riucire ad individuare il luogo dove l'uomo voleva porre fine alla sua vita.

Giunti sul posto i militari hanno iniziato a parlare con lui, prendendo tempo, cercando di avvicinarlo. Arrivati alla gusta distanza sono riusciti ad afferrarlo e trascinarlo al  di qua della balaustra, scongiurando così il terribile epilogo. 

Si tratta del secondo caso in poche settimane: il 24 maggio scorso i carabinieri dell'Altopiano di Pinè hanno salvato un uomo che si era gettato nel lago delle Piazze. Non hanno esitato  a tuffarsi, da un'altezza considerevole, e sono riusciti a riportarlo a riva ancora vivo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pastori del Caucaso "terrorizzano" Oltrecastello: passante morso al braccio

  • Paura vicino ai mercatini di Natale, ragazzo accoltellato alla pancia: è grave

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Incidente a Segonzano: ferito 12enne. I vigili del fuoco: "Decima volta in quel punto"

Torna su
TrentoToday è in caricamento