Vuole gettarsi dal ponte di Mostizzolo: i carabinieri sventano un altro suicidio

Dopo il caso di Pinè un altro suicidio sventato dai carabinieri, questa volta in Val di Non

Ha salutato la sorella lasciando cadereil cellullare nel vuoto l'uomo che questa mattina ha scavalcato il parapetto del ponte di Mostizzolo con l'intento di farla  finita. Un tragico intento fortunatamente vanificato dall'intervento dei carabinieri.

La sorella, rivoltasi immediatamente al 112 ben sapendo he il fratello soffriva da annni di depressione, è riuscita a fornire alcune informazioni fondamentali per riucire ad individuare il luogo dove l'uomo voleva porre fine alla sua vita.

Giunti sul posto i militari hanno iniziato a parlare con lui, prendendo tempo, cercando di avvicinarlo. Arrivati alla gusta distanza sono riusciti ad afferrarlo e trascinarlo al  di qua della balaustra, scongiurando così il terribile epilogo. 

Si tratta del secondo caso in poche settimane: il 24 maggio scorso i carabinieri dell'Altopiano di Pinè hanno salvato un uomo che si era gettato nel lago delle Piazze. Non hanno esitato  a tuffarsi, da un'altezza considerevole, e sono riusciti a riportarlo a riva ancora vivo. 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Olimpiadi Invernali 2026 a Milano-Cortina: le gare si svolgeranno anche in Trentino

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento