Strada del Lago di Tovel pericolosa: resta chiusa fino al 30 aprile

In questo momento il rischio di distacchi o crolli, in conseguenza dei fenomeni di gelo e di disgelo tipici di questa stagione e aumentati dalle piogge abbondanti, risulta particolarmente elevato

In seguito agli eventi atmosferici di fine ottobre la situazione della strada provinciale 14 del lago di Tovel, chiusa nel periodo invernale per motivi di incolumità pubblica, si è ulteriormente aggravata. Il Servizio Gestione Strade della Provincia ha effettuato numerosi sopralluoghi e proceduto, d’intesa con il Servizio Geologico provinciale, ad effettuare alcuni interventi per la messa in sicurezza della parte rocciosa. Interventi ultimati il 19 dicembre. Tuttavia in questo momento il rischio di distacchi o crolli, in conseguenza dei fenomeni di gelo e di disgelo tipici di questa stagione e aumentati dalle piogge abbondanti, risulta particolarmente elevato. Per tali ragioni, come evidenzia una relazione del Servizio Gestione Strade, non si ravvisano le condizioni di sicurezza per aprire la strada prima del termine previsto del 30 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questi anni – evidenzia l’assessore provinciale Giulia Zanotelli in una nota – la deroga totale è stata concessa solamente nell’inverno 2016-17 e faccio notare che l’amministrazione provinciale precedente non ha mai presentato un progetto organico per risolvere, definitivamente, la situazione. Da parte della Giunta attuale, in carica da circa un mese e mezzo, c’è la massima attenzione a questo problema e cercheremo, compatibilmente con le risorse finanziarie, di adottare un intervento risolutivo di messa in sicurezza, il cui costo si aggira sui 4 milioni nel caso siano sufficienti sistemi paramassi e reti, per arrivare fino a 6 milioni a km in caso serva una copertura completa". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Giornate Europee del Patrimonio 2020: in Trentino musei aperti e attività al Mart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento