"Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

Nella serata di mercoledì qualcuno ha contattato i carabinieri dicendo di aver visto una persona coperta da un telo a bordo strada. Ma i militari non hanno trovato nulla

Samara Challange (da NapliTOday)

"Venite, c'è una donna che cammina sulla statale della Valsugana con un lenzuolo bianco e lunghi capelli neri". Deve essere suonata più o meno così la segnalazione che qualcuno ha fatto al 112 nella serata di mercoledì a Novaledo. 

I carabinieri accorsi sulla statale 47 non hanno trovato proprio nulla, nemmeno l'utente che li aveva chiamati. Potrebbe quindi essere stato un falso allarme della Samara Challange, la sfida divenuta virale in tutta Italia, che consiste nel travestirsi da Samara, la protagonista del celebre film horror 'The ring', con l'obiettivo di spaventare i passanti, per poi darsi alla macchia.

Diversi gli episodi in tutta Italia, da Ravenna a Napoli, passando per la capitale sono moltissime le segnalazioni arrivate alle forze dell'ordine. Il macabro  consgioco iste appunto nell'indossare un lenzuolo bianco e una parrucca con lunghi capelli neri, proprio come la ragazzina del horror culto uscito negli Stati Uniti nel 2012. Il primo episodio della 'Samara challange' si è verificato lo scorso 29 agosto a Catania, ma la sfida continua a impazzare in tutto il Paese.

Chi si presta a questo tipo di scherzi rischia di essere denunciato per procurato allarme, oltre a poter divenire bersaglio di reazioni violente da parte delle persone spaventate, come già accaduto in diverse città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento