Anche in Trentino arriva "Quorum zero e più democrazia"

Iniziata la raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Anche in Trentino è iniziata la raccolta delle firme a sostegno della proposta di legge di iniziativa popolare "Quorum Zero e Più Democrazia", che ha come obiettivo di portare a zero il quorum in tutti i referendum e di migliorare gli strumenti di democrazia diretta. L'iniziativa è nata ed è promossa da un comitato di cittadini da varie parti d'Italia e chiunque può contribuire a diffondere l'iniziativa. La realizzazione della proposta è stato un lungo ed appassionante percorso durato da giugno 2011 fino a febbraio 2012, fatto di incontri dal vivo e di riunioni virtuali sul web. Il testo finale è il risultato condiviso da un gruppo di persone appassionate ed esperte di democrazia diretta e impegnate da tempo su questo tema. E' importante ricordare che l'iniziativa legislativa popolare è un diritto dei cittadini elettori previsto dalla Costituzione.

La proposta è stata depositata a Roma presso la cancelleria della Corte di Cassazione, ed è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale in data 14 febbraio 2012. Tra i 17 firmatari ufficiali vi sono anche due concittadini trentini.
 
Già 130 città in tutta Italia si sono attivate per la raccolta delle firme necessarie per presentare l'iniziativa "Quorum Zero e Più Democrazia" in Parlamento. La data di inizio raccolta firme era il 27 febbraio 2012 e quella di termine raccolta è il 17 luglio 2012. Il gruppo su Facebook ha più di 1200 iscritti e sono già stati realizzati banchetti in decine di città.
 
Michele Ainis, il professore di Diritto Costituzionale ed editorialista anche de "L'Espresso" l'ha descritta come la proposta "più dirompente" tra quelle per le quali si stanno raccogliendo le firme in questo periodo.
 
La proposta di legge "Quorum Zero e Più Democrazia" ha l'obiettivo di modificare alcuni articoli della Costituzione italiana per migliorare l'utilizzo degli strumenti di democrazia diretta già esistenti e introdurne di nuovi in Italia, ma utilizzati da più di un secolo in altri paesi del mondo come la Svizzera e la California. Il nostro obiettivo è quello di migliorare il funzionamento della democrazia italiana affiancando alla democrazia rappresentativa attuale, strumenti che diano la possibilità ai cittadini di far sentire la loro voce e di prendere decisioni che riguardano la cosa pubblica.
 
Il testo completo della proposta di legge di iniziativa popolare è disponibile assieme ad altre informazioni sul sito dell'iniziativa: www.quorumzeropiudemocrazia.it
 
Dove e quando firmare in Trentino
Per promuovere l'iniziativa sono state decise tre date "nazionali" e anche a Trento verranno organizzati dei banchetti informativi in centro città: nei sabati 14 aprile in via Oriola, 5 maggio in via Mazzini e 2 giugno in via Oss Mazzurana. Altre date saranno i giovedì 17 maggio in via Belenzani e 24 maggio in via Oriola.
 
Al momento è possibile firmare l'iniziativa presso la Segreteria Generale del Comune di Trento, in via Belenzani (da lunedì a giovedì 8.30/12.00 e 14.30/16.00, venerdì 8.30/12.00) e presso le 12 Circoscrizioni della città. Altri Comuni trentini dove è al momento possibile firmare sono Rovereto, Pergine Valsugana, Levico Terme, Mezzolombardo, Borgo Valsugana, Mezzocorona, Civezzano, Villa Lagarina, Caldonazzo, Aldeno.
 
Indirizzi, orari ad altre informazioni sul sito dell'iniziativa: www.quorumzeropiudemocrazia.it
Torna su
TrentoToday è in caricamento