menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo protocollo di cure multidisciplinari per i malati di Sla

Governo, Regioni, Province autonome di Trento e Bolzano e Autonomie locali sottoscrivono la "Presa in carico globale delle persone con malattie neuromuscolari o malattie analoghe dal punto di vista assistenziale"

Un nuovo piano diagnostico, terapeutico e assistenziale  destinato ai 36 casi di Sla attualmente registrati in Trentino è stato approvato dalla Giunta provinciale. Il nuovo protocollo è stato predisposto assieme all'Azienda provinciale per i servizi sanitari e alla sezione trentina di Aisla, la onlus di riferimento per le persone affette da sclerosi laterale amiotrofica. L'idea è strutturare una rete di servizi multidisciplinari e multiprofessionali che operino secondo criteri di appropriatezza ed efficacia, all'interno di percorsi di continuità assistenziale, con un elevato livello di integrazione sociosanitaria. Il trattamento è basato su evidenze scientifiche, sull’esperienza clinica quotidiana e sulla valutazione della situazione organizzativa in essere, con le sue criticità o le prassi già applicate. Inoltre definisce un percorso tra il Governo, le Regioni, le Province autonome di Trento e Bolzano e le Autonomie locali, per la "Presa in carico globale delle persone con malattie neuromuscolari o malattie analoghe dal punto di vista assistenziale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La bozza del decreto riaperture: le nuove regole fino al 31 luglio

social

Offerte di lavoro: in Trentino si cercano marinai

Attualità

Cosa cambia dal 26 aprile

Attualità

Tutti i canti popolari del Trentino disponibili online

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Vaccino Covid-19: sedute straordinarie nel week-end

  • Attualità

    Coronavirus, le regole del week end

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento