Cronaca San Giuseppe / Piazza Vittoria

A che punto è la liberalizzazione delle poste in Trentino?

Il CRTCU, Centro consumatori di Trento, ha confrontato prezzi e tempi dei tre soggetti attualmente presenti in Trentino. L'alternativa all'ex monopolio non è però facile da trovare, molti non ne conoscono nemmeno l'esistenza. "La poca concorrenza è causa di disservizi" commenta il direttore Biasior

Non è solamente la chiusura degli uffici postali in Trentino a preoccupare, ma anche la qualità del servizio in generale. A fare i conti è il Centro Tutela Consumatori di Trento che ha confrontato prezzi e tempi di  consegna dell'azienda ex statale con quelli di altri due servizi postali privati presenti in Trentino.  Risultato: con altri altri servizi si può arrivare a rispparmiare 1,2 euro per lettera, nell'esempio spedita da Pergine e recapitata a Trento il giorno dopo. Tutti i dettagli della ricerca sono disponibili a questo link: clicca qui..

La vera domanda però è la seguente: è possibile ad oggi utilizzare altri servizi postali in Trentino? Ovvero, a che punto sono le liberalizzazioni? Esiste ancora il monopolio? “Siamo ancora lontani da una reale concorrenza - spiega il direttore del CRTCU Carlo Biasior - anche se è importante far sapere agli utenti che l’alternativa esiste e, che, a fronte di una maggiore domanda è probabile che i servizi offerti dai concorrenti vedano un ampliamento".

Cosa fare dunque in caso di ritardi o altri disservizi? "Ricordiamo che esistono strumenti per tutelarsi in caso di disservizio: la carta della qualità dei prodotti postali, poco pubblicizzata prevede risarcimenti per ogni singolo disservizio e l’accesso ad un protocollo di conciliazione paritetica con le associazioni dei consumatori o, in caso di mancata conciliazione, una seconda opportunità davanti all’Autorità garante per le comunicazioni”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A che punto è la liberalizzazione delle poste in Trentino?

TrentoToday è in caricamento