menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fine obbligo della mascherina. Pd interroga Fugatti, Ianeselli: "Mettetela sempre e comunque"

La notizia che il governatore Fugati non abbia prorogato l'ordinanza scaduta il 3 dicembre ha sollevato il polverone. Trentini confusi, nel dubbio il sindaco precisa: "Mettetela"

Niente obbligo di mascherina all'aperto in Trentino da giovedì 3 dicembre. la notizia circola da ieri sera, ed è vera fatte le dovute precisazioni. Il primo a farle, nel momento stesso in cui annunciava che non avrebbe prorogato l'ordinanza che imponeva l'obbligo, è stato il governatore Maurizio Fugatti che ha ricordato come la mascherina sia comunque necessaria in tutte le occasioni in cui si è a contatto con altre persone, anche incontrate casualmente per strada.

A sottolineare l'importanza della mascherina ed l'obbligo, che comunque rimane, di averla sempre con se è stato anche il dirigente provinciale Raffaele De Col, chiamato in causa proprio da Fugatti per ribadire il concetto che occorre averla sempre "pronta all'uso", e usarla naturalmente. Detto ciò, a maggior ragione, appare ancora più incoerente la decisione di non prorogare l'ordinanza. Sarebbe bastata una firma.

La mascherina non è più obbligatoria?

E invece no: da giovedì 3 dicembre non è più obbligatorio indossarla sempre fuori casa. Questo include, per esempio, gli spazi comuni nei condomini, gli ascensori, le aree gioco dei bambini nei giardini pubblici. L'obbligo di indossarla solamente nel caso in cui si incontrino delle persone lascia spazio all'incertezza. Questa, almeno, è l'interpretazione del Partito Democratico che ha depositato una richiesta di informativa per chiedere al presidente sulla base di quali informazioni abbia deciso di far decadere questa e altre restrizioni. Restrizioni, va detto, che erano aggiuntive rispetto a quelle previste a livello nazionale per una zona gialla, qual è il Trentino.

Ad aggiungersi alla polemica è il sindaco di Trento Franco Ianeselli. Nel capoluogo, infatti, prima dell'introduzione dell'obbligo si erano create situazioni al confine della norma, per esempio nelle vie del centro molto affollate durante il weekend, dove è praticamente impossibile restare perennemente ad un metro di distanza da altre persone. Il sindaco è uscito pubblicamente su Facebook con un post nel quale invita tutti a mettere la mascherina comunque, sempre. 

"Quando usciamo di casa, mettiamo la mascherina. Sempre. Facciamolo per chi combatte contro il virus negli ospedali. Per gli anziani e per i soggetti vulnerabili. Per tenere sotto controllo i numeri della pandemia e consentire così alle attività economiche di restare aperte. In fondo, tra tutte le limitazioni di questi mesi, quella di indossare la mascherina non è stata certo la più pesante, tanto che ormai ci abbiamo fatto l'abitudine", scrive Ianeselli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chiusa per pericolo valanghe l'area del Mugon sul Monte Bondone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento