rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Val del Chiese: motoseghe cinesi, truffatori nei guai

Scoperti dalla Polizia Locale della val del Chiese due truffatori: venditori ambulanti senza licenza i due spacciavano per originali motoseghe di produzione cinese, in tutto identiche a quelle di una nota marca. I due sono risultati essere gli stessi della "truffa dello specchietto" di qualche anno fa

Merce contraffatta spacciata per originale, per una volta non si tratta di scarpe o borsette ma di motoseghe. La polizia locale della valle del Chise è intervenuta su segnalazione di alcuni cittadini sanzionando due venditori ambulanti abusivi: erano totalmente sprovvisti di autorizzazione alla vendita, e per questo sono stati sanzionati con 3000 euro di multa, ma a metterli nei guai è stato anche ciò che vendevano.

Motoseghe, che per colore e forma potevano sembrare quelle di una nota marca di attrezzature per il taglio del bosco, ma che in realtà sono prodotte in Cina. Le motoseghe sono state confiscate. I due, italiani di origini napoletane, non sono nuovi a raggiri di questo tipo: da un esame nella banca dati delle forze dell'ordine i due sono risultati essere gli stessi delle "truffe dello specchietto" messe in atto un paio di anni fa nella valle. La truffa consiste nel causare un piccolo incidente incolpando il malcapitato della rottura dello specchietto retrovisore, per poi farsi pagare i danni immediatamente, in nero. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Val del Chiese: motoseghe cinesi, truffatori nei guai

TrentoToday è in caricamento