Casa Itea agli sfollati di via Maccani, ma c'è anche la possibilità di ospitarli a casa propria

Dopo il devastante incendio aperta una Procedura d'urgenza presso Itea, si sta cercando una modalità per raccogliere donazioni, vestiti e generi alimentari, ma anche proposte di alloggio temporaneo

Alloggi Itea alle famiglie sfollate dell'incendio all'ex Lidl di via Maccani. E' questo l'intento del Comune di Trento che ha avviato oggi una procedura d'urgenza  con l'ente  proviinciale per l'edilizia popolare.

In seguito all'incendio, che ha distrutto l'ultimo piano della palazzina, sono state evacuate 20 famiglie, 35 persone che hanno trovato alloggio da amici e parenti, oppure, ma sempre come soluzione temporanea, presso la colonia Aerat del Monte Bondone e presso l'Ostello comunale in via Torre Vanga.

"Le soluzioni saranno individuate caso per caso, salvaguardando il contesto normativo - spiega una nota del Comune -. Domani tutti gli interessati sono convocati al servizio casa e residenze protette per essere dettagliatamente informati sull'iter da seguire".

Si sta inolte cercando di attivare una modalità per individuare un soggetto unico, forse la stessa Itea, a cui enti e associazioni possano fare riferimento per aiutare le famiglie senza casa, offrendo vestiti, generi alimentari, ma anche possibili offerte di alloggi temporanei.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

Torna su
TrentoToday è in caricamento