Sardagna: la funivia ha quasi un secolo, quali sono le intenzioni della Giunta? Maestri (PD) interroga...

La fune unica la rende inutilizzabile durante le giornate ventose, il servizio di bus sostitutivo non è così efficiente e le stazioni di partenza hanno quasi un secolo: la funivia Trento-Sardagna dovrà essere ripensata a breve, perchè prima o poi bisognerà mettere mano alle due strutture e all'impianto.

Quale futuro quindi per la funivia? Lo chiede la consigliera provinciale Lucia Maestri (PD) in un'interrogazione alla Giunta, sostenendo che l'impianto non è solamente un collegamento tra la città e l'abitato di Sardagna, ma avrebbe importanti potenzialità turistiche.

A questo proposito si chiede anche conto dello stato di abbandono dell'ex Albergo Panorama, chiuso dal 2012, di proprietà della Provincia. "La situazione è diventata ancora più grae da quando i turisti che visitano il Muse spesso salgono con la funivia desiderosi di vedere il panorama e si trovano davanti lo spettacolo indecoroso dello stabile abbandonato" scrive Maestri "eppure si presterebbe a diversi utilizzi: un punto ristoro, con spazi da affidare ad associazioni ed altre realtà". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

Torna su
TrentoToday è in caricamento