Sardagna: la funivia ha quasi un secolo, quali sono le intenzioni della Giunta? Maestri (PD) interroga...

La fune unica la rende inutilizzabile durante le giornate ventose, il servizio di bus sostitutivo non è così efficiente e le stazioni di partenza hanno quasi un secolo: la funivia Trento-Sardagna dovrà essere ripensata a breve, perchè prima o poi bisognerà mettere mano alle due strutture e all'impianto.

Quale futuro quindi per la funivia? Lo chiede la consigliera provinciale Lucia Maestri (PD) in un'interrogazione alla Giunta, sostenendo che l'impianto non è solamente un collegamento tra la città e l'abitato di Sardagna, ma avrebbe importanti potenzialità turistiche.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A questo proposito si chiede anche conto dello stato di abbandono dell'ex Albergo Panorama, chiuso dal 2012, di proprietà della Provincia. "La situazione è diventata ancora più grae da quando i turisti che visitano il Muse spesso salgono con la funivia desiderosi di vedere il panorama e si trovano davanti lo spettacolo indecoroso dello stabile abbandonato" scrive Maestri "eppure si presterebbe a diversi utilizzi: un punto ristoro, con spazi da affidare ad associazioni ed altre realtà". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento