menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La foto di Sergio Donadi che conferma la presenza del lupo in Val Venegia

La foto di Sergio Donadi che conferma la presenza del lupo in Val Venegia

Il lupo è a Paneveggio

Con un bellissimo scatto un escursionista di passaggio in Val Venegia ha confermato la prima presenza del lupo in Trentino orientale, mentre in Val di Non c'è una novità: i lupi sono in coppia

Il lupo allarga il giro: proviene molto probabilmente dal gruppo dei Lessini l'esemplare avvistato nel Parco naturale di Paneveggio, anche se non si escludono altre origini. La sua presenza è confermata in Val Venegia, una zona molto frequentata dai turisti in estate. Sono due gli avvistamenti: il 12 giugno un escursionista lo ha avvistato e forografato, mentre il 7 giugno il lupo è sttato ripreso dalla fototrappola della fortestale mentre si cibava della carcassa di un cervo. Il 19 giugno sono invece state trovate in zona alcune carcasse di pecore: essendo esclusa la presenza dell'orso in Trentino Orientale è quasi certo che il responsabile sia lo stesso lupo.

La migrazione verso nord dai Lessini, zona di iniziale propagazione del branco, era già stata ipotizzata con l'investimento di un lupo  sulla statale della Valsugana.  A pochi mesi dal fatto la presenza di un esemplare a Paneveggio (ma potrebbbero anche essercene di più) conferma tale teoria. Per l'Alta Val di Non la presenza del lupo non è una novità, la notizia però è che in questo caso i lupi sono sicuramente due. "Ciò confermerebbe però la voce di un avvistamento di due esemplari avvenuto in zona a fine aprile" sspiega il Servizio Foreste e Fauna.

"Anche in questo caso è presto per capire di quali animali si tratti e quale sia il loro eventuale territorio di riferimento - si legge in una nota della Provincia -. Quello che è certo è che siamo di fronte ad ulteriori tappe del ritorno naturale del lupo sulle Alpi, e dunque anche in Trentino, in atto da circa 25 anni. La presenza del lupo, secondo gli esperti, non costituisce un pericolo per la sicurezza dell’uomo ma richiede di adottare attenzione e specifici accorgimenti nella conduzione del bestiame in alpeggio". FOTO: Stazione Forestale di Paneveggio – Archivio Servizio Foreste e fauna PAT; Segio Donadi; Ivan Stocchetti - Archivio Servizio Foreste e fauna PAT. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento