Emergenza acqua: impennata dei consumi, fontane chiuse fino a nuovo ordine

Sono molti i comuni, compreso il capoluogo, che hanno dato mandato a Dolomiti Reti di chiudere le fontane a getto continuo. Una misura dettata dalla scarsità delle risorse idriche, ma anche da un aumento sproporzionato dei consumi privati nell'ultimo mese

E' ancora emergenza acqua a Trento e non solo, sono molti i comuni che hanno dato mandato a Dolomiti Reti di chiudere le fontane pubbliche. Niente acqua fino a nuovo ordine, almeno per quanto riguarda il capoluogo dove, fanno sapere dall'azienda, le fontane verrano riaperte solamente quando rientrerà l'emergenza data dalla scarsità delle risorse idriche.

Non si tratta però solamente di mancanza di acqua nelle fonti: la concausa dell'emergenza è data da un altro fenomeno. A Trento, spiegano i responsabili di Dolomiti Energia, si è registrato un aumento anomalo dei consumi d'acqua. Molto probabilmente questo aumento è conseguenza diretta del caldo delle settimane scorse, ma le temperature (e quindi probabilmente i conusmi) sono destinate a salire ancora clicca qui.. Per mettere un freno ai consumi il Comune ha quindi deciso di chiudere le fontane a getto continuo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento