menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fecondazione assistita: consenso informato da riformare

Dal 2006 ad oggi sono stati 3900 gli ovociti fertilizzati ad Arco. In programma c'è anche la revisione del modulo del consenso informato, che si basa sulle ultime linee guida del Ministero ma è più ampio di quello previsto dalle legge 40

Fecondazione assistita in Trentino: dal 2006 ad oggi sono stati 3900 gli ovociti fertilizzati ad Arco, in Trentino. In programma c'è anche la revisione del modulo del consenso informato (in sostanza la consapevolezza del paziente sull'intervento medico che si appresta ad affrontare), che si basa sulle ultime linee guida del Ministero, ed è, comunque, più ampio di quello previsto dalle legge 40, che di fatto rende - almeno in Italia - inutilizzabili gli ovuli fecondati causando il cosidetto "turismo riproduttivo", soprattutto in paesi come la Spagna. Qualche passo avanti però si sta provando a farlo, almeno in Trentino, spiega l'assessore alla salute Ugo Rossi: non ci si limita al consenso informato, c'è il colloquio con la coppia e il lavoro di consulenza psicologica.

Proprio il modello sul consenso informato viene invece criticato dal consigliere provinciale del Pdl Pino Morandini, cattolico praticante. Morandini porta a sostegno della sua tesi alcuni dati: dice che non è vero il rischio malformazioni per i nati con la fecondazione artificiale è del tutto simile a quello delle nascite naturali. Secondo il consigliere è un "fatto smentito dalla scienza" e da una risposta di Rossi ad un'interrogazione che parla, invece, di un leggero aumento del rischio.

In base ai dati riferiti dal consigliere le malformazioni riguardano il 5,8% per i parti naturali, più dell'8,3%, invece, con le tecniche di fecondazione artificiale. Nel modulo del consenso informato non si fa accenno, poi, a rischi di parti prematuri che nel 2007 erano, in Trentino, il 6% e nel 2010 sono arrivati al 21%. Non si dice nulla, inoltre, sui tassi più alti di mortalità con la fecondazione artificiale. Quindi, ha chiesto Morandini, siamo davvero sicuri che le coppie che si rivolgono al centro di Arco siamo informate? 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
  • Attualità

    La pillola contro il Covid: arriva il vaccino senza puntura

  • Cronaca

    I dati del coronavirus in Trentino del 9 maggio

  • Attualità

    Viabilità, domenica di code in autostrada

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento