rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Falso made in Italy, presidio al Brennero da parte di Coldiretti

Autobotti, camion frigo, container saranno verificati dagli agricoltori per smascherare il "finto Made in Italy", dai prosciutti ai pomodori, ma anche il commercio di surrogati e sottoprodotti che abbassano la qualità, come le polveri di latte e le cagliate da utilizzare per fare formaggi

Migliaia di agricoltori della Coldiretti, provenienti da diverse regioni, si ritroveranno questa mattina al valico del Brennero per denunciare gli effetti dei ritardi e delle omissioni dell’Unione Europea che favoriscono le speculazioni che stanno provocando l’abbandono delle campagne con effetti irreversibili sull’occupazione, sull’economia e sull’ambiente.

Autobotti, camion frigo, container saranno verificati dagli agricoltori per smascherare il “finto Made in Italy”, dai prosciutti ai pomodori, ma anche il commercio di surrogati e sottoprodotti che abbassano la qualità, come le polveri di latte e le cagliate da utilizzare per fare formaggi Made in Italy al posto del latte vero senza indicazioni in etichetta.

L’iniziativa si svolge contemporaneamente alla mobilitazione dei giovani agricoltori della Coldiretti, a Bruxelles in occasione del vertice straordinario dei Ministri Europei dell’Agricoltura, per chiedere un impegno piu’ forte dell’Unione Europea contro il finto Made in Italy.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falso made in Italy, presidio al Brennero da parte di Coldiretti

TrentoToday è in caricamento