Infermiera del S. Chiara contagiata: "Il primo pensiero? Non me lo merito"

"All'inizio ho pensato che, con tutto quello che uno ci mette, proprio non me lo meritavo. Ora penso a tornare in prima linea"

Positiva al coronavirus dopo essere stata in prima linea: "non mi sentivo invincibile, è stato un macigno, ma ora non vedo l'ora di tornare insieme alla mia squadra a sconfiggere il mostro". E' questa la testimonianza di Evelyn, infermiera dell'ospedale S. Chiara, diffusa sul profilo Facebook dell'Azienda provinciale per i Servizi Sanitari.

"Ci occupiamo dei pazienti che hanno effettuato il tampone, da poche ore, e hanno bisogno di supporto dei parametri vitali ovvero un monitoraggio multi parametrico in attesa del risultato del tampone stesso" spiega Evelyn. Poi, un giorno, il tampone positivo è arrivato anche per lei. "Una doccia fredda. Ero li, sudata, con i segni degli occhiali appena tolti, avevo ancora il cerotto antidecubito in faccia. Mi ero appena svestita, dopo tre ore di assistenza ai miei pazienti. Non ci credevo" racconta.

"Non vi dico il ritorno a casa - si legge nella sua testimonianza - ho ripetuto non sapete quante volte a me stessa che avevo fatto tutto quello che si poteva fare, che non avevo sbagliato niente,che non dipendeva da me. Stavo bene, per fortuna faccio parte di quelle persone quasi asintomatiche. Qualche disturbo qua e là, fortunatamente, ma nient’altro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Azienda sanitaria ha promesso il test sierologico al personale medico-sanitario, l'operazione dovrebbe partire a giorni. Il coronavirus in Trentino ha fatto già una vittima tra il personale medico: la guardia medica della Val di Fassa Gaetana Trimarchi. I dati sul personale sanitario contagiato non sono facilmente reperibili. Gli ultimi risalgono al 31 marzo quando il direttore dell'Azienda sanitaria Paolo Bordon comunicò che 129 dipendenti dell'Apss erano positivi: 102 infermieri, 14 medici ed altri 13 dipendenti non-sanitari. Sei i ricoverati, tra cui purtroppo la dottoressa Trimarchi, deceduta al terzo giorno di terapia intensiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Rovereto, Valduga va al ballottaggio con Zambelli

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Riva del Garda, al ballottaggio Mosaner e Santi, una manciata di voti separano i due candidati

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento