Col parapendio di notte sulle Dolomiti, evitata la collisione con un elicottero

Il responsabile sicurezza FIVL: "Invitiamo tutti a rispettare il divieto, o potremmo perdere la possibilità di volare in una delle zone più belle del mondo"

Parapendio in volo  dopo il calar del sole nella zona delle Dolomiti di Fassa. La segnalazione arriva dall'elisoccorso trentino, ed avrebbe potuto avere un esito certamente più drammatico nel caso di collisione tra il velivolo ed il parapendio.

A riferire della segnalazione, fatta dal Nucleo Elicotteri all'Amministrazione provinciale, è la Federazione Italiana Volo Libero, che invita tutti gli appassionati a rispettare il divieto di volo notturno, pratica rischiosissima, oltre che vietata.

Il rischio, per chi  pratica tale  disciplina, è anche quello di vedersi togliere la possibilità, anche in orario diurno, di sorvolare una delle zone più  belle d'Italia. Rodolfo Saccani, responsabile della Commissione Sicurezza della FIVL mette in guardia gli apppassionati: "se si ripeteranno episodi simili, il Volo a Canazei e dintorni sarà definitivamente compromesso. Noi tutti perde­remo la possibilità di volare in una delle più belle zone del mondo".

In pratica l'ordinanza di divieto assoluto di voli è stata evitata grazie, spiega Sacccani, "Solo grazie al buon rapporto ed alla reciproca fiducia instauratasi in anni di collaborazione tra FIVL ed Elisoccorso. Riteniamo sia evidente per tutti che un incidente di que­sto tipo ci metterebbe a terra senza alcuna esitazione". 

"Come sappiamo, la via più fa­cile, veloce e sicura per risol­vere il problema da parte dell’autorità pubblica è quello di scrivere poche righe con le quali viene proibito a tutti di volare in parapendio e delta­plano in Val di Fassa e Fiemme. Questa volta ci siamo andati vicini" si legge nel  comunicato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare un'idea del rischio di collisione sono i numeri del Nucleo elicottero: 500 voli notturni all'anno, senza contare quelli dell'Aiut Dolomites, degli elicotteri militari e delle forze dell'ordine. "Chi va a volare di notte probabilmente ignora questi numeri e sottostima la pro­abilità di incappare in un volo notturno. Vi esortiamo dunque a rispettare la sicurezza di chi, come i piloti e gli equipaggi dell’elisoccorso, rischia la propria vita per salvare quella altrui".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento