Cronaca Centro storico / Via Gian Domenico Romagnosi

Olivi: "Se avessi firmato Daniza sarebbe stata abbattuta quella notte, non ho dormito"

Il vicepresidente risponde oggi su facebook alle precisazioni di Ugo Rossi. "Dallapiccola era di un'opinione diversa dalla mia, I forestali erano pronti ad abbattere l'orsa - scrive in un post - non ho firmato e quella notte non ho dormito"

Il vicepresidente della provincia Alessandro Olivi torna sulla questione dell'ordinanza di cattura dell'orsa Daniza con un post su facebook in risposta a quello di ieri del presidente Rossi.


"L'ordinanza che mi sono rifiutato di firmare prevedeva l'abbattimento di Daniza - si legge nel post pubblicato poco fa sulla pagina personale dell'assessore - Mi sono confrontato con il collega Dallapiccola, che era di un'opinione diversa, ma che ha detto che toccava a me assumermi la responsabilità della decisione, visto che Rossi era in ferie. Non ho firmato, nonostante mi avessero detto che se avessi firmato i forestali già quella notte avrebbero potuto facilmente abbatterla. Ho chiesto di approfondire e non ho dormito la notte, ma il giorno dopo ho firmato l'ordinanza che prevede solo la cattura".

Il comunicato della Provincia in seguito all'emanazione dell'ordinanza parla dell'abbattimento come ipotesi remota, solo in caso di pericolo imminente per il personale della forestale, così come ha precisato Ugo Rossi nel post di ieri. 

Qui tutti gli articoli sul caso dell'orsa Daniza e dei suoi cuccioli

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Olivi: "Se avessi firmato Daniza sarebbe stata abbattuta quella notte, non ho dormito"
TrentoToday è in caricamento