Focolaio coronavirus: 98 persone contagiate in quarantena alle Viote

Le ex caserme, che avevano già ospitato i cittadini cinesi ad inizio pandemia, ancora utilizzate per la quarantena del nuovo focolaio alla Furlani Carni

Il Centro Alpino delle Viote tornerà ad ospitare contagiati da coronaviru. Questo l'annuncio diffuso dalla Provincia dopo la conferenza stampa nella quale è stato confermato il dato di oggi sui positivi del focolaio Furlani Carni: 98 nuovi casi, dei quali 72 scoperti nelle ultime 24 ore. Le operazioni di screening sono ancora in corso: oggi saranno effettuati altri 30/40 tamponi, "cosa che porterà probabilmente ad un ulteriore incremento dei numeri" spiega una nota.

Si tratta in gran parte di lavoratori stranieri, manodopera "prestata" da una cooperativa esterna alla ditta. La gran parte dei positivi non presenta sintomi, assicura l'Azienda sanitaria. Dopo un rapido confronto con il sindaco di Trento il governatore Fugatti ha annunciato che le ex caserme delle Viote, sul Monte Bondone, ospiteranno le persone contagiate. La stessa struttura era stata utilizzata all'inizio della pandemia per ospitare dodici cittadini cinesi appena arrivati in Trentino. 

Oltre ai 98 casi legati al focolaio della Furlani Carni ce ne sono altri 19 che emergono da campagne di screening mirate, ovvero dai tamponi fatti tra i contatti di persone già risultate positive. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 2.313, un numero considerevole visto che nei giorni scorsi erano calati fino al minimo di 112. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento