Tutti in coda al Crm: molti ne approfittano per "farsi un giro"

Una coda così non si è mai vista prima dell'emergenza, eppure nulla è cambiato per quanto riguarda lo smaltimento dei rifiuti

Tutti in coda al Crm: tra chi, questa mattina, ha atteso pazientemente all'ingresso del Centro Raccolta Multimateriali di Gardolo ci sono sicuramente residenti che avevano l'assoluta necessità di gettare rifiuti ingombranti, non previsti nella raccolta differenziata. Il sospetto, però, che molti abbiano approfittato della riapertura per "farsi un giro" c'è. Anzi è più che un sospetto, anche perchè code così non si sono mai viste prima dell'emergenza.

La foto è di un nostro lettore e testimonia quanto avvenuto nella mattinata di martedì 21 aprile a Gardolo dove i Crm, assieme a quelli di Mattarello, Povo e del Bondone, è stato recentemente riaperto per "assolute necessità". Un concetto evidentemente elastico. I Crm nel comune di Trento erano stati chiusi proprio perchè molti li utilizzavano per uscire da casa. L'appello del Comune è di usarli il meno possibile, di tenere a casa tutto ciò che può essere smaltito anche dopo l'emergenza, e soprattutto di rivolgersi a Dolomiti Ambiente per il servizio di raccolta a domicilio di erba e ramaglie. Per tutto il resto c'è la differenziata porta a porta, che naturalmente non si ferma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

Torna su
TrentoToday è in caricamento