Riaprono i Crm, il Comune: "Utilizzateli solo per necessità". Si scenderà dall'auto solo per scaricare

Riaprono quattro Centri di Raccolta Materiali, precedentemente chiusi perché utilizzati per "farsi un giro" da molti residenti

Riaprono i Crm, ma il Comune è chiaro: "l'invito all'utenza è di utilizzarli solo se necessario". Solamente una settimana fa, infatti, il Comune era stato costretto a chiudere anche il Centro di Raccolta di Mattarello poichè diversi residenti erano stati sorpresi a gettare rifiuti normalmente smaltibili con la raccolta differenziata, oppure materiali che possono anche aspettare, come i vecchi vestiti. La Polizia Locale aveva anche elevato sanzioni amministrative per scoraggiare l'atteggiamento di chi utilizzava il Crm più per "farsi un giro" che per reali necessità.

Ora i Crm di Povo, Gardolo, Mattarello e del Bondone sono pronti a riaprire. Ma è chiaro che resta valido il messaggio di non spostarsi se non per comprovate necessità, anche quando si parla di rifiuti. Inoltre anche nei Crm saranno adottate le misure di sicurezza anti-contagio ormai valide ovunque. 

Ecco la nota del Comune

A partire da sabato 18 aprile saranno aperti i centri di Povo, Gardolo, Bondone e Mattarello secondo i consueti orari settimanali. È consigliabile consultare il sito dell'ente gestore Dolomiti Ambiente o contattare il numero verde 800 847028.
I centri di Bondone e Mattarello saranno operativi, oltre che per le utenze domestiche, anche per le ditte autorizzate all’esercizio delle attività previste dai decreti ministeriali. Rimangono ancora chiusi i centri di Meano, Argentario e il Centro Integrato.
Le modalità di conferimento saranno comunque sottoposte a rigidi criteri di gestione da parte di Dolomiti Ambiente a tutela della salute di utenti e lavoratori ed in
particolare:
- l’accesso sarà consentito previo distanziamento sociale per evitare assembramenti
- gli utenti dovranno scrupolosamente osservare le indicazioni del personale addetto alla vigilanza e dovranno scaricare i rifiuti in piena autonomia
- durante l’attesa del proprio turno di ingresso si invita a rimanere all’interno dell’autoveicolo
- ciascun utente dovrà essere munito di mascherina protettiva e guanti.
Vista la fragilità dei sistemi di recupero e smaltimento dei rifiuti si invitano gli utenti a non utilizzare i centri di raccolta se non per ragioni di oggettiva necessità contenendo la produzione di rifiuti straordinari.
Le nuove disposizioni di sicurezza produrranno un inevitabile rallentamento delle attività di scarico dei rifiuti, l'invito a tutti i cittadini che accederanno al servizio nei prossimi giorni è quello di avere pazienza e rispettare i criteri rigorosi che verranno imposti.
Il servizio di raccolta domiciliare a pagamento del verde e delle ramaglie rimarrà comunque attivo per continuare a incentivare le raccolte domiciliari riducendo al minimo gli spostamenti non necessari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Schianto tra auto nella notte: gravi tre ragazzi

  • Trento, spacciatore sfida la polizia: «Sapete che sono uno spacciatore, ma oggi con me non lavorate». Arrestato in piazza

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Gambero Rosso: in un "annus horribilis" il ristorante di Arco di Peter Brunel è la novità dell'anno

Torna su
TrentoToday è in caricamento