Pesticida bandito in Olanda e consigliato in Val di Non

Anche l'Olanda va ad aggiungersi alla lista dei Paesi che hanno bandito il Cloripirifos, un particolare prodotto fitosanitario che è invece parte del protocollo adottato dalla Fondazione Edmund Mach. La lista SAE chiede che venga depennato

Continua la battaglia della lista civica Salute Ambiente Economia contro l'uso massiccio di pesticidi in Val di Non. Sotto accusa è, ancora una volta, il Cloripirifos, usatocome diserbante nei campi di mele sia in primavera che in autunno. E' di alcuni giorni fa la notizia che anche l'Olanda sarebbe pronta a bandire questo prodotto, ritenuto dannoso per la salute umana, andando così ad aggiungersi a Russia, Tasmania, Messico e Sri Lanka.

"Questi Paesi hanno detto no al Cloripirifos - si legge in una nota pubblicata sul profilo facebook di SAE - in Val di Non viene ancora consigliato dalla Fondazione Mach, perchè non si tolgono dal protocollo?". E' di pochi giorni fa l'approvazione di una nuova disciplina per l'agricoltura cosiddetta "integrata" in Trentino che si adegua alle normative europee del 2009 ed estende, dal 1° gennaio 2015, l'obbligo per tutti gli agricoltori di utilizzare metodi integrati: il diserbante però è escluso dalla normativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

  • Luci soffuse e radio spenta, così un barbiere di Rovereto taglia i capelli ai bimbi autistici

Torna su
TrentoToday è in caricamento