Zanotelli: "Nessuna caccia all'orso, solo due forestali". Gli animalisti arrivano in Trentino

Ci sono trappole ma non sono state attivate: per l'orsa che fino a ieri doveva essere abbattuta oggi non c'è una vera e propria operazione di cattura

Nessuna "caccia all'orso" sul Monte Peller, solamente due forestali "di guardia". Questa la precisazione dell'assessore alle Foreste della Provincia autonoma di Trento Giulia Zanotelli in risposta ad un articolo apparso su La Repubblica relativo alla vicenda dell'orsa JJ4, oggetto di un'ordinanza di abbattimento da parte del presidente della Provincia, poi contestata dal Tar.

"Ad oggi, sul Monte Peller, non è stata filmata alcuna orsa con cuccioli in prossimità di siti di cattura. Non ci sono in questo momento “decine di guardie forestali che proseguono la caccia”, né alcuna “battuta” in corso. Sono presenti, a turno, due forestali con il compito di presidiare la zona, monitorarla ed informare i frequentatori della possibile presenza di orsi e dei più corretti comportamenti da tenere" scrive l'assessora.

Vi sono, è vero, alcune trappole (altrimenti perché si starebbe parlando di cattura?) in prossimità di "siti di attrazione", si legge nella nota. Tuttavia le trappole non sono al momento attive, almeno stando a quanto riferisce l'assessore: "Si tratta di trappole che potranno essere attivate se e quando vi saranno le condizioni necessarie".

Insomma, fino a pochi giorni fa JJ4 era l'orsa più ricercata del mondo, su di lei pendeva sostanzialmente una sentenza di morte, visto che nell'ordinanza non era contemplata la possibilità di cattura. Oggi l'assessore riferisce che, sostanzialmente, non è in atto nessuna operazione di cattura ma solo "attività propedeutiche" in attesa, lo ripetiamo, di trappole che saranno attivate "se e quando vi saranno le condizioni necessarie".

Nel frattempo, com'era prevedibile, il mondo animalista integralista si sta organizzando: dopo aver manifestato contro il Trentino bloccando l'accesso al casello di Verona Nord, gli attivisti di 100% animalisti si sono dati appuntamento per una manifestazione di protesta il 2 agosto a Cles. "Avvisiamo fin da subito ipotetici provocatori - scrivono in un comunicato - che non porgeremo l'altra guancia. Siamo determinati: a buon intenditor poche parole". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento