Cacciatore spara vicino a i sentieri per tarare la carabina: denunciato

All'uomo sono stati sequestrati quattro fucili e cento munizioni

Le armi sequestrate (foto carabinieri)

Ha iniziato a sparare colpi con la sua carabina puntando un bersaglio che aveva posizionato su un pendio, vicino ai sentieri. Il tutto per tarare l'arma in vista dell'apertura della stagione venatoria. L'episodio nel pomeriggio di sabato vicino a un cammino di Caldes. Protagonista un cacciatore solandro che è stato denunciato dai carabinieri per il suo pericoloso gesto. 

L'uomo ha iniziato a esplodere colpi in direzione del pendio opposto a quello su cui si trovava, a solo poche decine di metri dalle strade di libero accesso su cui può transitare chiunque. Il suo obiettivo era tarare l'ottica della sua carabina per utilizzarla per l'imminente apertura della caccia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel tardo pomeriggio al numero unico di emergenza è arrivata una segnalazione di 'esplosione di colpi di arma da fuoco'. A quel punto i militari sono intervenuti nel sentiero di Caldes dove hanno trovato il cacciatore con l'arma imbracciata. L’uso illecito dell’arma - scrivono i carabinieri - è costato all’uomo non soltanto una denuncia per il reato di “accensioni ed esplosioni pericolose” ma, anche e soprattutto, la perdita del possesso dei quattro fucili da caccia legittimante detenuti. I carabinieri li hanno sequestrati insieme ad oltre 100 munizioni. Lo hanno fatto in via cautelativa, in attesa cioè del provvedimento di “divieto di detenzione di armi e munizioni”, di competenza del Questore di Trento, autorità che sarà anche chiamata a valutare la sussistenza dei presupposti per il mantenimento del porto d’armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

Torna su
TrentoToday è in caricamento