Bomba della Grande Guerra neutralizzata dagli artificieri sulla Marmolada

Bonifica in alta quota per gli artificieri dell'esercito: l'ordigno, grazia anche allo scioglimento del ghiacciaio, è riaffiorato dopo più di un secolo

E' stata neutralizzata dagli alpini della Brigata Julia la bomba della Prima Guerra Mondiale riaffiorata sulla Marmolada a causa dello scioglimento del ghiacciaio. L'ordigno è stato ritrovato in una crepa tra le rocce a Pian dei Fiacconi, 2800 metri di quota, non distante dal rifugio Capannna del Ghiacciaio. Vista la massiccia presenza di turisti ed escursioniti è scattata la procedura di bonifica immediata del luogo: forze dell'ordine locali e Croce Rossa hanno affiancato i militari del 2° reggimento Genio Guastatori Alpini di Trento e del 4° reggimento Altair di Bolzano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli artificieri hanno rimosso la spoletta dal corpo bomba, l'ordigno è stato quindi recuperato dall'elicottero e trasportato a valle, dove è stato fatto brillare. Non di rado in Trentino gli scavi di un cantiere portano alla  luce ordigni bellici: si tratta però quasi sempre di bombe aeree risalenti alla Seconda Guerra Mondiale. In questo caso la complessità dell'operazione è stata determinata sia dal diverso tipo di ordigno, risalente a più di un secolo fa, sia alle particolari condizioni del terreno in alta montagna. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Barche e canoe non reclamate sul lago: il Comune di Levico mette tutto all'asta

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • Fuga da Trento: questa volta la escape room è grande come tutto il centro

  • Bollettino coronavirus: un altro decesso in Trentino, +104 casi positivi e 122 classi in quarantena

  • Coronavirus in Trentino: nuovo picco di contagi, 79 classi in quarantena e due pazienti in rianimazione

  • Fugatti: "Ristoranti aperti fino alle 22 ed i bar fino alle 20"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento