Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

L'annuncio del presidente in diretta Facebook: "Tanti trentini che lavorano non possono fare altrimenti"

Asili nido e scuole materne aperte dall'8 giugno, a scelta dei genitori. Questa la volontà della Giunta annunciata dal presidente della Provincia Maurizio Fugatti in diretta Facebook. "Vogliamo dare la possibilità, a chi lo vuole, di mandare i propri figli negli asili nido e nelle scuole materne, in sicurezza; per farlo dovremo firmare una delibera visto che ciò non è previsto dai decreti nazionali" ha detto il governatore.

Aumentano (di poco) i contagi

Nella stessa conferenza stampa si è parlato anche del bonus al personale sanitario in prima linea, e naturalmente dei dati sul contagio: 12 tamponi positivi nelle ultime 24 ore, tra cui 10 "nuovi casi", e purtroppo altri 3 decessi. Nessuno dei nuovi casi è avvenuto in Rsa, e questo lascia pensare che si tratti di contagi avvenuti in famiglia, o in ambito sociale. L'assessore Segnana si è imitata a dire che "dall'Apss non ci sono arrivati dati riguardo all'origine dei contagi". I tamponi eseguiti continuano, però, ad essere meno della metà rispetto alle scorse settimane: 703 nelle ultime 24 ore. "I nuovi casi sono in aumento rispetto ai giorni scorsi, ma lo possiamo considerare un dato che ad oggi ci garantisce la stabilizzazione del contagio" ha commentato Fugatti.

Sanità: "Per il contratto ci sono 14 milioni di euro"

"Oggi abbiamo firmato una delibera per erogare il premio per il personale in prima linea, lo avevamo detto in tempi non sospetti, questo è un primo intervento di 10 milioni di euro per coloro che hanno lavorato a contatto con pazienti, poi ci saranno altri 5 milioni per chi ha lavorato nell'emergenza ma non a contatto diretto con i malati" ha detto Fugatti. Sul premio i sindacati, Cgil in testa, hanno già dichiarato una forte contrarietà: l'accusa è che i 15 milioni per il premio in realtà arriverebbero da uno stanziamento per il rinnovo del contratto. Non sembra essere così secondo quanto ha dichiarato il governatore: "Giovedì c'è il tavolo per il rinnovo del contratto ci sono 14 milioni a disposizione".

"Se arrivare fino a 1.500 euro in più sulla busta paga è umiliante io dico che non le ritengono cifre irrisorie, ma i sindacati fanno il loro mestiere - ha detto Fugatti riferendosi alle polemiche -. Pensate che si parla di 2742 dipendenti dell'Azienda sanitaria che hanno fatto 500.000 ore di lavoro tra 15 marzo e 30 aprile. Per fare un esempio: un infermiere che ha fatto 150 ore 750 euro, ma c'è stato chi ha fatto 300 ore e percepirà 1500 euro netti".

Nidi e materne: si riapre l'8 giugno

Nidi ed asili riaperti: l'annuncio di Fugatti. "Abbiamo parlato anche di scuola: c'è stato un forte lavoro da parte del Dipartimento per ragionare soprattutto di asili nido e scuole materne, la volontà della Giunta provinciale è quella, a fronte di una stabilizzazione dei dati, di ragionare per riaprire nidi e materne il prima possibile, in sicurezza sia per le educatrici che per i bambini. Vogliamo riaprire l'8 giugno, e le materne potranno rimanere aperte fino al 31 di luglio. Auspichiamo che da parte dei sindacati ci sia la possibilità di trovare una condivisione: le famiglie trentine hanno bisogno di mandare i propri figli al nido ed alle materne, e se decidono di mandarli è perché non possono fare altrimenti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Ragazzina in bici investita dall'autobus in via Venezia

Torna su
TrentoToday è in caricamento