Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Si rompe lo scarico del depuratore ad Arco, liquami reflui nel Sarca

È stata chiusa quasi immediatamente la valvola dello scarico, in modo da evitare che il guasto continuasse ad immettere acque nere nel Sarca

La foce del fiume Sarca

I vigili del fuoco sono intervenuti sabato ad Arco per lo sversamento nel fiume Sarca di liquami reflui dal depuratore di Linfano a causa di una perdita nello scarico. È stata chiusa quasi immediatamente la valvola dello scarico, in modo da evitare che il guasto continuasse ad immettere acque nere nel fiume. Una situazione che ha portato i sindaci di Riva del Garda, Arco e Nago-Torbole a firmare un'ordinanza per il divieto di balneazione che interessa quasi tutte le spiagge trentine del Garda.

Ad esempio lungpo il Sarca e sulle spiagge vicine alla foce, nel comune di Torbole, dove è stato anche temporaneamente affisso il divieto di balneazione. L'Apss di Trento è stata informata dell'accaduto. Sul posto si sono recati i tecnici per i prelievi e le analisi della qualità dell'acqua, che sono state eseguite sia sabato che domenica per verifcare la presenza di sostanze inquinanti. L'intervento, inziato attorno a mezzogiorno, è proseguito fino ad oltre le 16. Lunedì è prevista una nuova campagna di analisi sulle acque.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si rompe lo scarico del depuratore ad Arco, liquami reflui nel Sarca

TrentoToday è in caricamento