Acli, già diecimila firme raccolte contro i vitalizi

Obiettivo promuovere un disegno di legge di iniziativa popolare per la riduzione dei privilegi dei politici. La stima è quella di un risparmio per le casse della Regione di 5 milioni 240 mila euro l’anno che andranno a costituire un Fondo per il sostegno alle famiglie e ai giovani in cerca di occupazione

Prosegue la raccolta firme promossa dalle Acli trentine a sostegno di un disegno di legge di iniziativa popolare che punti a ridurre i privilegi dei politici. L’obiettivo è un risparmio per le casse della Regione di 5 milioni 240 mila euro l’anno che andranno a costituire un Fondo per il sostegno alle famiglie e ai giovani in cerca di occupazione. Fino a mercoledì 18 novembre dalle 9 alle 13 alla sede delle Acli di via Roma a Trento sarà possibile sottoscrivere la petizione. Per sostenere la legge servivano almeno 4 mila firme. Obiettivo largamente superato dal momento che da agosto le sottoscrizioni raccolte sono più di diecimila. Sabato 21 novembre inizierà una campagna di raccolta firme nelle piazze di Trento, Rovereto e Pergine che continuerà per tutto il mese di dicembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento