Trentino, occupazione in aumento

La disoccupazione scende sotto l'8%, non cresce invece l'occupazione femminile. Decisivo il traino del settore dei servizi, in picchiata l'edilizia che perde duemila addetti

L'occupazione cresce in Trentino nei primi tre mesi del 2016. I dati diffusi evidenziano che il sistema produttivo sta creando nuovi posti di lavoro che riescono ad assorbire sia nuove forze di lavoro, cioè persone che entrano o rientrano nel mercato del lavoro, sia parte dei disoccupati. I dati sono da confrontare con lo stesso trimestre del 2015 perché così si annullano i fattori stagionali tipici del sistema produttivo trentino.

Gli indicatori più significativi evidenziano una situazione in miglioramento a conferma dell’evoluzione, non ancora ben definita, che si è osservata nel mercato del lavoro nei trimestri più recenti. Non sono ancora risolte le difficoltà del lungo periodo di crisi ma, risentendo dell’economia in crescita contenuta e continua, si riducono le preoccupazioni maggiori.

Per il primo trimestre 2016 i tradizionali indicatori del mercato del lavoro evidenziano che:

-          il tasso di attività (15-64 anni), pari a 71,1%, è in crescita di sei decimi di punto rispetto al primo trimestre 2015 e torna ad aumentare la distanza fra quello degli uomini e quello delle donne;

-          il tasso di occupazione (15-64 anni), pari al 65,4%, è anch’esso in crescita. Aumenta, su base annua, di 8 decimi di punto. In evidente incremento quello maschile che raggiunge il 72,8% (70,7% nel primo trimestre 2015); mentre, per le donne, tale tasso è pari al 58%, in rallentamento rispetto ad un anno prima (58,6% nel primo trimestre 2015);

-          il tasso di disoccupazione (15 anni e più) si è ridotto di 3 decimi di punto percentuale ed è pari al 7,8% (8,1% nel primo trimestre 2015). Entrambi i generi mostrano un miglioramento in tale tasso;

-          il tasso di inattività è in riduzione e si attesta al 28,9% (29,5% nel primo trimestre del 2015).

In Italia gli andamenti degli indicatori sono simili a quelli rilevati per il Trentino e, come più volte osservato, i tassi italiani sono significativamente peggiori di quelli presenti a livello locale.

Infatti, in Trentino rispetto all’Italia:

-          il tasso di attività è superiore di 7 punti percentuali (64,2% in Italia);

-          il tasso di occupazione è superiore di 9 punti percentuali (56,3% in Italia);

-          il tasso di disoccupazione è inferiore di 4,3 punti percentuali (12,1% in Italia);

-          il tasso di inattività è inferiore di 7 punti  percentuali (35,8% in Italia).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

Torna su
TrentoToday è in caricamento