Cgil: "Lavoratrici delle pulizie in ospedale in prima linea, subito dispositivi di protezione"

In prima linea ci sono anche le lavoratrici, ed i lavoratori, delle aziende in appalto dalla sanità pubblica

Medici, infermieri e tutti gli operatori sanitari, delle forze di soccorso e delle forze dell'ordine stanno chiaramente dando il massimo per fare fronte all'emergenza coronavirus ma in prima linea ci sono anche gli addetti alle pulizie degli ospedali, nelle case di riposo e nelle strutture di accoglienza. Circa 1.500 persone chiamate a fare, come sottolineano Filcams e Fisascat, "ore su ore di straordinario, doppi turni, giorni di riposo che saltano, ed ora anche i turni di notte".

"Queste lavoratrici spesso invisibili, che vengono pagate solo 7 euro lordi l’ora non si tirano indietro neanche adesso. E’ indispensabile, però, che a tutte loro siano dati i dispositivi di sicurezza, che ci sia massimo rispetto delle misure di sicurezza per tutelare anche la loro salute" scrivono le segretarie di categoria Paola Bassetti e Francesca Vespa.

Filcams e Fisascat chiedono di accelerare in ogni modo possibile con la distribuzione di tutti i dispostivi di sicurezza. “Siamo consapevoli delle difficoltà nel reperire questi materiali, ma il personale delle pulizie e della sanificazione non può esserne sprovvisto dal momento che opera in ambiante sanitario ad alto rischio.”, insistono Bassetti e Vespa che allineandosi alle richieste avanzate a livello nazionale chiedono anche che tutto il personale degli appalti che opera nelle strutture sanitarie sia anche formato adeguatamente al pari dei dipendenti diretti su come prevenire il contagio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cashback di Stato, i rimborsi entro marzo e il "bug" dell'App Io

  • Covid, il Trentino rischia la zona arancione?

  • Coronavirus, Trentino in zona gialla ma circondato dall'arancione

  • Impianti sciistici ancora nelle incertezze, Ghezzi: «Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna in zona arancione. E chi viene in Trentino?»

  • Tragedia in A22, Vitcor non ce l'ha fatta

  • Nuovo decreto: confermato il divieto di spostamento fino al 15 febbraio

Torna su
TrentoToday è in caricamento