Aumentano i ricoveri, i sindacati proclamano lo stato di agitazione nella Sanità: "Siamo già allo stremo"

Stato di agitazione in tutto il comparto. I sindacati: "Non è con le retribuzioni straordinarie che potremo fronteggiare la seconda ondata"

"I professionisti della sanità sono allo stremo: la prima ondata della pandemia non ha portato nuove assunzioni e oggi le stesse persone si stanno facendo carico della nuova, crescente emergenza". A lanciare l'allarme è Luigi Diaspro, segretario della Fp Cgil. La richiesta, lanciata ormai da mesi da tutti i sindacati, è sempre la stessa: investimenti in sanità pubblica. Il riconoscimento economico per gli straordinari, contro il quale i sindacati si scagliarono già nella prima ondata, non basta. Gli stessi sindacati oggi, di fronte ad un imminente aumento del carico di lavoro, proclamano lo stato di agitazione.

Cgil, Cisl e Uil chiedono da un lato nuove assunzioni per far respirare chi è già in prima linea, dall'altro un riconoscimento economico di responsabilità e competenze. "Come si può chiedere a personale già stremato di aumentare ancora l’impegno? - si chiede Diaspro -. Aggiungiamo che a Rovereto, “ospedale Covid”, senza aumenti di organico si sta continuando anche l'attività ordinaria, con interventi chirurgici e ricoveri programmati. È tempo di riformare gli ordinamenti e i sistemi di classificazione, prevedendo finanziamenti adeguati e rivedendo il sistema delle indennità. Serve un piano generalizzato di assunzioni, in tempi rapidi, incentivando e rendendo più attrattiva la professione sanitaria e di addetto all'assistenza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

Torna su
TrentoToday è in caricamento