Incendio a Maso Toffa: Itas anticipa 150.000 euro per la ricostruzione

La compagnia di assicurazioni trentina anticipa la cifra per far partire i lavori

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Dopo il grave incendio che nella notte del 4 maggio ha distrutto buona parte di Maso Toffa (val di Fiemme – TN), ITAS si è attivata in pochi giorni con i suoi periti per la valutazione dei danni e una prima ricostruzione della vicenda e oggi, dopo solo tre settimane, ha consegnato il primo acconto di 150.000 euro per il risarcimento dei danni subiti. Fabrizio Lorenz, presidente ITAS, afferma: “Siamo impegnati da sempre per tutelare le comunità e le realtà del territorio nel quale operiamo ed è proprio in occasioni come queste che la presenza puntuale della Compagnia concretizza davvero il suo essere Mutua. Un impegno del quale andiamo particolarmente orgogliosi e nei confronti del quale i nostri soci assicurati possono sempre riporre la loro fiducia.” Con il lavoro di Giuseppe Larentis e Alan Barbolini agenti ITAS di Cavalese, e dei periti che si sono resi da subito disponibili, l’intervento della Compagnia è risultato estremamente tempestivo, dando così la possibilità a Claudio De Marchi, presidente della cooperativa sociale Oltre, di guardare con più speranza al futuro della cooperativa. Maso Toffa accoglieva infatti in regime residenziale e semiresidenziale persone adulte con disagio psichico, aiutandole ogni giorno nel reinserimento sociale e lavorativo. “ITAS conosce molto bene le devastanti conseguenze degli incendi sul nostro territorio – afferma Giuseppe Larentis, agente ITAS di Cavalese – ricordo infatti che la Compagnia è nata nel 1821 proprio per fronteggiare questa terribile piaga. Essere una Mutua significa rimanere a fianco ai propri soci assicurati anche in momenti drammatici come questi, lavorando in modo puntuale e veloce per garantire nel più breve tempo possibile un adeguato risarcimento. È proprio grazie a questa tempestività che i nostri soci assicurati possono rimettersi in piedi in breve tempo e ripartire con la propria attività.” “Voglio ringraziare pubblicamente ITAS per il suo intervento – afferma Claudio De Marchi – che ci darà ossigeno per poter pianificare nuovamente le nostre attività. Per una cooperativa sociale come la nostra è di grande importanza poter avere al nostro fianco delle realtà come ITAS con le quali condividere i nostri progetti e le profonde motivazioni sociali che li guidano” conclude De Marchi.

Torna su
TrentoToday è in caricamento