Attualità

Il "pass mobilità" per gli spostamenti tra regioni in zona gialla, arancione e rossa

Lo ha annunciato il premier in conferenza stampa insieme al ministro Roberto Speranza. Cosa si sa al momento di questo "pass"

È atteso il tanto agognato "via libera" tra regioni. Dopo la conferenza stampa di venerdì pomeriggio in cui sono annunciate le prime tappe che porteranno l'Italia fuori dal "semi-lockdown" degli ultimi mesi, è atteso l'ok agli spostamenti tra le regioni in zona gialla e con un  'pass' anche tra le regioni di colore diverso (non è stata però indicata una data precisa). Ad annunciarlo è stato il premier Mario Draghi durante la conferenza stampa di venerdì 16 aprile, tenuta insieme al ministro Roberto Speranza. Come funzionerà in concreto questo pass? Che cosa si sa al momento? L'unica certezza è che i tempi non sono strettissimi.

Pass per gli spostamenti tra regioni a maggio 2021

Non sono al momento stati forniti dettagli in merito. Diverse le ipotesi in merito: gli spostamenti tra le regioni di fascia gialla saranno liberi da maggio secondo quanto fatto intendere da Draghi e Speranza. In attesa dell'ufficialità, si può desumere che gli spostamenti tra territori gialli saranno liberi, senza necessità di alcun "pass".

Diverso invece il discorso per quel che riguarda la mobilità tra le regioni che si trovano in fasce con restrizioni diverse (zona arancione e zona rossa): in quel caso bisognerà avere un certificato- è molto probabile che sarà richiesta una documentazione che attesti di essere stati sottoposti al vaccino, oppure di avere un tampone negativo effettuato nelle 48 ore precedenti oppure ancora di aver avuto il Covid ed essere guariti.

L’argomento è molto sentito da tanti italiani, dai congiunti fuori regione, ovvero quelli che per motivi di lavoro abitano in una ragione diversa da quella del partner, ma anche dai tanti che per altri motivi (turismo interno, ad esempio) non sperano di potersi spostare presto liberamente sul territorio nazionale quando l'andamento del contagio lo permetterà.

Ricapitolando quindi, Draghi non ha ancora definito esattamente come dovrà funzionare ma il pass potrà contenere:

  • l’indicazione di aver ricevuto un vaccino Covid-19;
  • un certificato medico che attesti di essere guariti dal Covid-19;
  • l’indicazione di aver fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti allo spostamento.

Il "green pass" europeo

L'idea alla base del "pass" per spostamenti tra Regioni di colori diversi è quella di anticipare il "green pass" europeo. I tempi di definizione del nuovo pass mobilità, però, secondo quanto anticipato dalle agenzie, "non saranno brevi"; fonti qualificate di governo hanno spiegato semplicemente che si guarda al modello del pass europeo. Possibile che fino a maggio inoltrato non se ne farà nulla.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il "pass mobilità" per gli spostamenti tra regioni in zona gialla, arancione e rossa

TrentoToday è in caricamento