Lunedì, 2 Agosto 2021
Attualità Centro storico / Piazza Dante

Green pass per dormire in rifugio, per i Suoni delle Dolomiti niente prenotazione: basta la distanza

Nuove regole per l'estate 2021 in montagna: attesa una nuova ordinanza del presidente della Provincia Maurizio Fugatti

Una foto delle edizioni passate de I Suoni delle Dolomiti

Green pass per accedere ai rifugi in Trentino: l'annuncio è stato dato in conferenza stampa dal presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti e dall'assessore al Turismo Roberto Failoni. La firma dell'ordinanza, che conterrà anche altre novità per la stagione estiva, è attesa nel corso della riunione della Giunta provinciale a Calliano (AGGIORNAMENTO: la decisione è slittata a causa dei risvolti del caso Sara Pedri, discussi in Giunta). In diretta Facebook l'assessore ha anticipato solo che per i rifugi "varranno gli stessi protocolli dello scorso anno, con la novità che potranno accedervi solo coloro che hanno il green pass o un tampone negativo". 

I protocolli dello scorso anno prevedevano prenotazione obbligatoria, biancheria da letto e asciugamani personali portati da casa, oltre naturalmente alla mascherina all'interno delle strutture. Di segno opposto, invece, la notizia che riguarda "I Suoni delle Dolomiti", kermesse musicale d'alta quota amatissima da trentini e turisti. A fine maggio, quando era stata annunciata l'edizione 2021, gli organizzatori avevano sottolineato che la prenotazione agli eventi sarebbe stata obbligatoria.

Ora, ad un mese di distanza, l'obbligo decade. Ad annunciarlo è sempre Failoni: basterà mantenere le distanze di sicurezza. Molto probabilmente il "green pass" non è stato ritenuto necessario per un evento che, pur coinvolgendo ogni anno migliaia di persone (la foto si riferisce ad una delle edizioni passate), si svolge all'aperto sui grandi prati alpini. Per tutti gli altri eventi permane l'obbligo di prenotazione, già sperimentato con successo alle recenti Feste Vigiliane di Trento. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass per dormire in rifugio, per i Suoni delle Dolomiti niente prenotazione: basta la distanza

TrentoToday è in caricamento