Lunedì, 18 Ottobre 2021
Attualità Arco

Giovani intraprendenti: un'estate al lavoro per il paese

Cinquanta giovanissimi volontari per far risplendere Arco, Dro e Drena grazie al progetto: "Ci sto? Affare fatica!"

Cinquanta ragazzi (38 maschi e 18 femmine) di età compresa fra 14 e 19 anni, durante l'estate del 2021 hanno lavorato in squadre di una decina, affiancati da un tutor e da un handyman, ovvero un esperto volontario, ad attività di cura dei beni comuni: pulendo, restaurando e ridipingendo in ogni angolo dei Comuni di Arco, Dro e Drena, panchine, staccionate, cartelli, monumenti, parchi giochi e relativi giochi, aiuole, pavimentazioni e sentieri, arredi urbani i più vari.

Premiazioni-2

Per il Comune di Arco i ragazzi sono stati seguiti da Enrico Tavernini, Nicola Mantovani e Nicola Sbarberi del cantiere comunale. Erano affiancati da un tutor (per Arco Elena Salvadori, Francesca Bagozzi, Davide Bonazza e Clara Andreasi; per Drena e Dro Andrea Sgro) e da alcuni handyman (per Arco Andrea Mancabelli, Umberto Cristofari, Enrico Meneghelli, Adriano Pisoni eSabina Paroldo; per Drena e Dro Luigi Caproni, Livio Sartorelli, Stefano Delugan, Diego Giuliani, Rodolfo Michelotti, Diego Benuzzi e Gabriella Pedrotti).

L'impegno e il lavoro di questi giovani è stato apprezzato da tantissimi cittadini. Si tratta di un progetto nazionale, giunto per la prima volta in Trentino, che mira a valorizzare con una esperienza di cittadinanza attiva il tempo estivo dei giovani da 14 a 19 anni di età, che hanno sofferto in modo a volte pesante l’isolamento e l’impoverimento relazionale causato dalla pandemia di covid-19. Organizzato dall’associazione Giovani Arco, è organizzato congiuntamente dai Comuni di Arco, Drena e Dro.

A conclusione del progetto, il momento di un bilancio e del dovuto grazie. Ai partecipanti è stato riconosciuto un "buono fatica": un buono del valore di 50 euro da spendere in una rete di negozi dei tre Comuni che hanno aderito all’iniziativa, grazie anche al coinvolgimento di Assocentro, il consorzio degli operatori del centro storico di Arco, e di Confcommercio Alto Garda e Ledro, per spese alimentari, abbigliamento, libri scolastici, sport e tempo libero. Ai tutor un "buono fatica" di 100 euro. Prima, durante e dopo l’esperienza i ragazzi e gli adulti sono stati coinvolti nella ripresa e nella documentazione dei momenti più significativi, il che ha dato vita a un breve filmato che è stato proiettato nel corso della serata, durante la quale i ragazzi presenti, i tutor e i volontari hanno ricevuto anche un attestato di partecipazione e un piccolo omaggio: una borsa con alcuni gadget.

Alla serata hanno preso parte per Arco il sindaco e assessore alle politiche sociali Alessandro Betta, l’assessore alle politiche giovanili Dario Ioppi e la responsabile del Servizio politiche sociali Viviana Sbaraini; per Drena la sindaca Giovanna Chiarani, la vicesindaca Sara Bombardelli e la consigliera comunale delegata alle politiche sociali Gabriella Pedrotti; per Dro il sindaco Claudio Mimiola e l’assessora ai giovani Ginetta Santoni. Ha moderato Lorena Prati, presidente dell’associazione Giovani Arco, che ha anche illustrato il risultato di un questionario somministrato ai ragazzi. Dal quale si scopre, tra l’altro, che il 41% dei ragazzi non aveva mai svolto attività di volontariato (il 21% raramente, il 27% a volte e l’11% spesso); e che le motivazioni principali che li hanno spinti ad aderire al progetto sono state la possibilità di fare nuove esperienze (19%) e di guadagnare qualche soldo con i buoni fatica (19%), aiutare gli altri (13%) e la curiosità (11%).

"Il video, davvero molto bello ed emozionante - ha affermato il sindaco Betta - già racconta tanto di questa iniziativa, particolarmente riuscita e dal profondo valore civico ed educativo. La mia prima consiliatura l’ho ispirata allo slogan “fare comunità”, per la seconda ho parlato di una comunità felice. Sono concetti densi di idealità, me ne rendo conto, che con la pandemia sono sembrati eccessivi. Ma questo progetto è un esempio di come si possano tradurre in realtà: abbiamo visto tante ragazze e tanti ragazzi, che sono il nostro futuro, occuparsi del bene comune, cioè delle cose di tutti noi, assieme a volontari che hanno dedicato molto del loro tempo e al personale del Comune. Tutto questo è una comunità che si impegna e che si dà da fare, in una cornice di coesione e unità che non esito a chiamare felicità".

giovani ripitturano-3

"Si tratta di un progetto nazionale - ha detto l’assessore Ioppi - che il Comune di Arco ha deciso convintamente di sostenere, creando una rete con Drena e Dro. Riguarda una fascia d’età precisa, quella dei ragazzi che riteniamo abbiamo bisogno di un sostegno, soprattutto dopo il lungo periodo della pandemia, con tutto quello che ha comportato in tema di isolamento e di contrazione delle relazioni. Il progetto, non serve che lo dica io, è stato un grande successo, che vogliamo riproporre anche l’anno prossimo. Tra l’altro, dal questionario sono emersi spunti interessanti per migliorarlo. Voglio ringraziare i ragazzi e tutte le persone che hanno lavorato alla sua realizzazione, e l’associazione Giovani Arco per l’organizzazione accurata e riuscita".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani intraprendenti: un'estate al lavoro per il paese

TrentoToday è in caricamento