rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Attualità

Troppi incidenti con animali coinvolti, l'Oipa: "Dalla Provincia nessuna prevenzione"

Dopo la bocciatura di una mozione del consigliere Degasperi

L'ultimo caso di incidente che ha coinvolto auto e animali è avvenuto solo pochi giorni fa, era martedì 26 ottobre, sulla strada statale 47. Ma gli episodi si susseguono sempre più spesso: solo in Trentino - è stato detto in consiglio provinciale - siamo sopra i 2mila investimenti. Anche per questo in consiglio provinciale si è discussa una mozione, proposta dal consigliere di Onda Civica Filippo Degasperi, che impegnava la Giunta a predisporre uno studio sulla dislocazione e sulle caratteristiche dei corridoi faunistici necessari nella Provincia di Trento, riportando le conclusioni entro sei mesi alla competente commissione consiliare.

La proposta è stata bocciata, con 18 voti contrari e 13 favorevoli.

Critiche alla scelta dell'assemblea legislativa sono arrivate dalle associazioni animaliste, come l'Oipa (Organizzazione internazionale per la protezione degli animali) di Trento.

"Una decisione che si commenta da sé e in linea con la politica della Provincia guidata da Maurizio Fugatti, da sempre improntata alla mancanza di strumenti di prevenzione a tutela della fauna selvatica", commenta il presidente dell’associazione, Massimo Comparotto. "Abbiamo appreso dalle cronache che, motivando la bocciatura della mozione, l’assessore all’Agricoltura, foreste, caccia e pesca, Giulia Zanotelli, ha detto che per la sicurezza sulle strade si può e si deve fare di più e si stanno pensando modelli innovativi di segnaletica, che sono aumentati gli abbattimenti dei cervi sul territorio e che l’impegno di fare uno studio in sei mesi non sarebbe stato nelle possibilità della Giunta. Il respingimento di una mozione a  tutela della fauna selvatica del suo territorio è un’occasione mancata per la Provincia di Trento".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppi incidenti con animali coinvolti, l'Oipa: "Dalla Provincia nessuna prevenzione"

TrentoToday è in caricamento