A caccia senza licenza: gli era stata revocata per uso di armi illegali

Bracconiere recidivo sorpreso dai forestali in Val Calamento

Stava cacciando senza porto d'armi: la licenza gli era stata revocata in passato poichè era già stato sorpreso dalla forestale con armi clandestine, modificate secondo modalità che esulano dalle norme vigenti. L'uomo, un cacciatore della Valsugana, è stato dunque nuovamente segnalato all'Autorità giudiziaria e dovrà rispondere della sua condotta davanti al giudice.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fatto risale a qualche giorno fa, quando la Guardia Forestale ha messo in ato un controllo mirato in Val Calamento, dove il bracconiere è stato sorpreso su una torretta per la caccia agli ungulati insieme ad un parente. Quest'ultimo è stato segnalato per aver prestato due fucili al primo, ben sapendo che era sprovvisto di licenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Casting a Trento per un nuovo film: si cercano comparse esili o dal 'volto antico'

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • Ha un infarto all'inizio del cammino: morto escursionista

  • Casa gratis in cambio di volontariato: ecco il bando

  • Incidente in A22, si schianta contro un camion e rimane incastrato sotto il rimorchio: morto 38enne

Torna su
TrentoToday è in caricamento