A caccia senza licenza: gli era stata revocata per uso di armi illegali

Bracconiere recidivo sorpreso dai forestali in Val Calamento

Stava cacciando senza porto d'armi: la licenza gli era stata revocata in passato poichè era già stato sorpreso dalla forestale con armi clandestine, modificate secondo modalità che esulano dalle norme vigenti. L'uomo, un cacciatore della Valsugana, è stato dunque nuovamente segnalato all'Autorità giudiziaria e dovrà rispondere della sua condotta davanti al giudice.

Il fatto risale a qualche giorno fa, quando la Guardia Forestale ha messo in ato un controllo mirato in Val Calamento, dove il bracconiere è stato sorpreso su una torretta per la caccia agli ungulati insieme ad un parente. Quest'ultimo è stato segnalato per aver prestato due fucili al primo, ben sapendo che era sprovvisto di licenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giro d'Italia 2020: in Trentino due tappe fondamentali, ed un passo inedito

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Vino DOC falso da Pavia a Lavis: blitz della Guardia di Finanza

  • Gardaland: apre il parco acquatico Lego, ecco come sarà

  • Aeroporto di Bolzano: in arrivo voli per Roma, Vienna e altre destinazioni

  • Paura a Dro, si sente male alla guida davanti a un minimarket: 54enne portato via in elicottero

Torna su
TrentoToday è in caricamento