rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021

Caso Pedri, Ferro a giugno aveva affermato non esserci "elementi, lettere o segnalazioni di problematiche collegate"

Un primo cerchio si è chiuso, la commissione di indagine interna si è pronunciata. Ora proseguono le indagini della Procura di Trento

Una vera bufera ha investito Apss e Pat. Da quando il caso di Sara Pedri ha avuto una eco nazionale, i due enti hanno gli occhi di tutto il Paese addosso. Il 10 luglio la commissione interna ha divulgato la nota di fine lavori con le proprie conclusioni, dopo sei ore il direttore Antonio Ferro è stato nominato quale commissario a guida dell'Apss. Una nomina indigesta a molti, che hanno sottolineato come Ferro sia la stessa persona che il 10 giugno, su questo caso, affermò: "Non abbiamo più avuto notizie, come atti oggettivi non abbiamo elementi, lettere o segnalazioni di problematiche collegate. Siccome è una vicenda pesante che ha riguardato e riguarda il reparto, abbiamo intenzione di approfondire la situazione. So che c’è un’indagine in corso".

Video popolari

Caso Pedri, Ferro a giugno aveva affermato non esserci "elementi, lettere o segnalazioni di problematiche collegate"

TrentoToday è in caricamento