rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
social Vallarsa

Luigi e Fioly cittadini onorari di Vallarsa: per la prima volta una donna

Luigi Gino Rigon, fondatore del Tucul e la scrittrice Fioly Bocca: prima donna a ricevere questo titolo, consegnato nella serata contro la violenza

Due nuovi cittadini onorari a Vallarsa, per la prima volta anche una donna. I riconoscimenti sono stati consegnati sabato 20 novembre, in occasione del primo di tre incontri sulle pari opportunità in Vallarsa. Sono state assegnate le cittadinanze onorarie alla scrittrice Fioly Bocca e al volontario Luigi Gino Rigon. Il provvedimento era stato approvato, all’unanimità, dal Consiglio comunale del 28 ottobre.

"Un piccolo Comune, con un Consiglio comunale formato da 7 donne e 8 uomini, ha deciso di conferire queste cittadinanze - spiega il sindaco Luca Costa -. Nel giorno in cui parlavamo di lotta alla violenza contro le donne, ecco che per la prima volta in assoluto abbiamo una cittadina onoraria. Sono segnali forti, per nulla scontati, che ci riempiono di orgoglio".

A coordinare l’impegno per il ciclo di incontri è il vicesindaco Marta Stoffella: "Lo spettacolo di Loredana Cont previsto per inaugurare il "Percorso Pari opportunità e contrasto alla violenza di genere" non ha avuto luogo a causa di un serio imprevisto. All'amica Loredana va il nostro abbraccio e pensiero. Famiglia Materna è il nostro partner nel percorso in quanto centro anti-violenza, casa rifugio ed ente riconosciuto sulle tematiche di contrasto alla violenza di genere in Vallagarina e Trentino. Prima di lasciare il teatro, i presenti sono stati invitati a scrivere un loro pensiero che potesse concludere l'incipit "Chi dice donna, dice..." riportato su foglietti da imbucare in un’urna. I contributi raccolti verranno restituiti in forma di Poema collettivo a tutte le Donne della Vallarsa, invitate a partecipare al momento di memoria del 25 novembre, giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. Sarà occasione per condividere riflessioni su cosa significa per noi e per la nostra comunità questo tema. Avremo modo di conoscere anche un nuovo gruppo che si sta formando in Vallarsa. Si tratta di un gruppo di donne che vorrebbe dare vita a un’associazione dedicata ad attività per sostenere, riconoscere e celebrare le donne di Vallarsa, per promuovere la leadership e la voce delle donne nella nostra comunità creando opportunità di crescita personale, momenti di formazione e di informazione dedicati al genere femminile".

Fioly Bocca

Fioly Bocca è nata a Torino il 18 aprile 1975, vive in Piemonte, è laureata in Lettere moderne all’Università degli studi di Torino, si è specializzata con un corso in redazione editoriale, autrice sensibile e appassionata di diversi testi di narrativa contemporanea fra i quali nel 2015 “Ovunque tu sarai” edizioni Giunti, nel 2020 “quando la montagna era nostra” edizioni Garzanti. Entrambi i testi hanno come sfondo, parte integrante dei romanzi, l’ambiente della Vallarsa, la gente, le montagne e i suoi animali selvatici, i sentieri, i boschi, il ritorno delle stagioni, il freddo pungente, le notti stellate. Fioly Bocca è attaccatissima a questa terra perché qui sono le sue radici, qui si ritiene a casa e riesce a trasmettere tali sentimenti in una scrittura lieve e intensa, cosa che la aiuta a rimanere vicino a questa terra che tanto ama nonostante la distanza.

Fioly Bocca-2

Il Consiglio comunale ha deliberato di conferirle la cittadinanza onoraria per aver promosso coi suoi romanzi “Ovunque tu sarai” e “Quando la montagna era nostra” la conoscenza, la bellezza, la storia, la cultura della Vallarsa e della sua comunità e per amarla profondamente.

Luigi Gino Rigon

Luigi Gino Rigon, nato a Vicenza, classe 1923, otto figli e vedovo dal 1981. Nella seconda Grande Guerra conobbe il campo di concentramento nazista. Da sempre inserito nell’Azione cattolica, fu dirigente delle Acli di Vicenza e fu uno dei promotori della costruzione della casa famiglia “Mater Christi”, da tutti conosciuta a Camposilvano come Casa Alpina. Questa struttura nel tempo lo portò a maturare un profondo legame con la comunità di Camposilvano, ma anche della Vallarsa, tanto da trasmettere l’amore per la terra del Trentino oltre ai suoi figli, a illustri cittadini veneti quali Marcello Peretti, Bepi de Marzi, Carlo Gimignani. Impegnato fin da giovane in politica fino a raggiungere importanti incarichi istituzionali, la abbandonò per testimoniare e trasmettere, attraverso il volontariato, i valori della solidarietà. Per tanti anni fu volontario prima, e dirigente poi dell’Unitalsi Vicentina, la grande Associazione italiana per il trasporto degli ammalati a Lourdes. Fu il fondatore dell’Associazione Il Tucul, l’organizzazione di un volontariato che volle far nascere nella valle, conosciuta e apprezzata dalle istituzioni provinciale, regionale e nazionale. Attraverso Il Tucul, moltissimi cittadini hanno saputo nel tempo maturare le loro sensibilità e le loro coscienze attorno ai grandi valori della solidarietà internazionale, rendendosi partecipi attivi nella costruzione di progetti di cooperazione e sviluppo nei Paesi africani più poveri del Mondo.

Lino Gino Rigon-2

Il Consiglio comunale ha deliberato di conferire la cittadinanza onoraria a Luigi Gino Rigon perché ha saputo spargere tra la gente un seme prezioso di sensibilità e solidarietà, che vivrà per sempre nell’animo generoso delle genti di montagna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Luigi e Fioly cittadini onorari di Vallarsa: per la prima volta una donna

TrentoToday è in caricamento