rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
TrentoToday San Giuseppe

La Collana

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrentoToday

Favorire l'incontro e la collaborazione tra artisti diversi, stimolare la ricerca e la sperimentazione con linguaggi artistici differenti, questi gli obiettivi primari del nuovo progetto promosso dallo Spazio FoyEr di Trento e godibile in galleria dal 10 al 21 ottobre. Titolo "La collana", ma in realtà si tratta di più "collane": piccoli libri d’arte stampati in calco o xilografia e completati da interventi diretti di varia natura realizzati da artisti sparsi in tutta Italia e non solo.

L’incisione alla base del libricino, è il fil rouge che lega - come in una lunghissima catena - ogni "collana" su cui artisti differenti sono intervenuti secondo la propria sensibilità e gusto: ad acquerello, tempera, acrilico, olio, collage con carta e stoffa, stampa xilografica e calcografica, calligrafia, disegni a matita, penna, pastelli, cera... La natura dell’iniziativa è senza dubbio giocosa, ma assolve comunque all’obietivo iniziale di valorizzare il mondo dell’incisione e far prendere coscienza che cultura e arte possono trovarsi anche in piccoli oggetti quotidiani, come ad esempio un libricino.

La risposta degli artisti all’iniziativa è stata positiva e molte sono state le “collane” che, da metà 2021 ad oggi, sono andate ad arricchire il progetto. Alcune "collane" si sono fermate a pochi esemplari, altre invece si sono sviluppate in progressive serie parallele o hanno seguito strade proprie, introducendo novità all’idea iniziale. Tra le collane più corpose in mostra, quella dello xilografo Luigi Golin, ideatore del progetto.

"Gufi e civette a quattro mani" è il titolo della sua raccolta, che conta ormai quasi 70 esemplari arricchiti da variegati e fantasiosi interventi. Infine, va aggiunto che "La collana" nasce anche dall’esigenza di ricreare quel tessuto di relazioni artistiche e umane che si è consumato durante l’emergenza sanitaria. Una sollecitazione rafforzata anche dall’allestimento che consentirà al pubblico un’esperienza immersiva: le opere potranno essere viste da vicino e toccate, togliendo così "la sacralità all’oggetto artistico per restituire l’idea che arte e cultura sono anche chi guarda" come sottolinea la curatrice della mostra Emilia Bonomi. Dal 10 al 21 ottobre 2022 Orario: da martedì a venerdì dalle ore 10 alle 12 e dalle 16 alle 18 www.spaziofoyer.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

TrentoToday è in caricamento