Sacchi azzurri in strada nei giorni sbagliati: 821 multe da inizio anno

Il Comune: "I sacchi esposti fuori dalle giornate di raccolta creano la sensazione di degrado"

Sono state 821 le violazioni alle norme in materia di smaltimento rifiuti accertate dallo speciale nucleo ambientale della Polizia Locale di Trento dall'inizio dell'anno. In una città, premiata come miglior eco-sistema urbano da Il Sole 24 Ore, dove la differenziata raggiunge livelli di tutto rispetto, c'è ancora molto da fare. 

In particolare ciò che sembra non essere entrato nelle abitudini dei cittadini è il rispetto delle giornate di esposizione dei sacchi azzurri, quelli riservati alla raccolta degli imballaggi leggeri: plastica e alluminio. L'80% delle violazioni contestate riguarda questa frazione della differenziata.

"Con questa attività di controllo - spiega una nota del Comune - si è voluto dare una risposta puntuale ai numerosi cittadini che segnalavano la presenza di sacchi azzurri, utilizzati per la raccolta degli imballaggi leggeri, che rimanevano esposti su suolo pubblico per parecchi giorni creando una sensazione di degrado".

La multa per il mancato rispetto della giornata di esposizione è di 54 euro, ma può aumentare se il personale deputato ai controlli, che può aprire i sacchi e guadare il contenuto, dovesse trovare qualcosa che lì non deve stare. In questo caso gli agenti possono risalire al responsabile e multarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento