Cuccioli di capriolo nell'erba: sembrano abbandonati, non è così

Ecco la nota del Servizio Foreste e Fauna: "Non toccateli, in realtà stanno bene"

Non tocchiamo i cuccioli di capriolo fermi tra l'erba alta. Con l'inizio dellabella stagione il Servizio Foreste e Fauna torna a lanciare il messaggio a tutti gli escursionisti. La fine della primavera coincide con la stagione dei parti delle femmine di capriolo e cervo. In questo periodo può capitare dunque di imbattersi, nell'erba alta di un prato o nel fitto di un basco, in un cucciolo nato da poco, che non si muove e può sembrare abbandonato.

Ma non è così, come spiega il Servizio Foreste e fauna della Provincia. L'animale sta bene e nei primi giorni di vita questo comportamento è naturale e volto a ridurre il rischio di essere predato. Per favorire la sua sopravvivenza non bisogna toccarlo o spostarlo ma lasciarlo dov'è ed allontanarsi, così la madre, che si trova nei paraggi, può tornare ad accudirlo. In caso contrario l' odore umano può mutare quello del piccolo e la madre, che si è allontanata solo temporaneamente, può non riconoscerlo ed abbandonarlo. Anche in caso di evidenti segnali di malessere resta comunque valida la regola di non toccare i piccoli e contattare i forestali o i guardiacaccia per le verifiche necessarie.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • Incidenti stradali

    Incidente a Cadine: traffico deviato da Sopramonte

  • Attualità

    Formazione, in Trentino parte nuovo corso per assistente odontoiatrico

  • Cronaca

    Guardia medica non si presenta al lavoro: denunciato per interruzione di servizio

I più letti della settimana

  • Incidente in A8: muoiono due trentini di 29 e 21 anni

  • Si sente male e cade a terra: giovane papà muore lasciando moglie e figlioletto

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • Forbes, 5 città italiane da visitare prima che lo facciano tutti: Trento c'è

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • La Provincia assume disoccupati per ripristinare i sentieri danneggiati dal maltempo

Torna su
TrentoToday è in caricamento