Venerdì, 19 Luglio 2024
Cinema San Giuseppe / Via S. Croce

Torna il Filmfestival della Montagna: 61esima edizione con 120 film

8 serate evento, 7 mostre, oltre 20 appuntamenti dedicati a ragazzi e famiglie, 82 tra incontri, presentazioni, inaugurazioni, reading e spettacoli fino al 5 maggio a Trento e tra l’1 e l’8 maggio a Bolzano e oltre 120 film concentrati in otto giorni

Come da tradizione è stata presentata nella sede Cai di Milano l’edizione del Trento Film Festival al via il 25 aprile. "Siamo alla sessantunesima – ha esordito il Presidente del Trento FilmFestival Roberto De Martin. Un’edizione, ci tengo a sottolineare, ricca come quella dello scorso anno in termini di proposte". Tra i grandi nomi protagonisti a Trento anche Mauro Corona che presenterà il suo ultimo libro “Confessioni ultime” e il mitico fondatore delle Lonely Planet Tony Wheeler.

8 serate evento, 7 mostre, oltre 20 appuntamenti dedicati a ragazzi e famiglie, 82 tra incontri, presentazioni, inaugurazioni, reading e spettacoli fino al 5 maggio a Trento e tra l’1 e l’8 maggio a Bolzano e oltre 120 film concentrati in otto giorni "un numero di proiezioni più ampio di quella dei festival Venezia e di Roma", ha sottolineato il responsabile del programma cinematografico Sergio Fant.

Al regista Maurizio Nichetti la direzione artistica di un’altra serata importante, quella che festeggerà i 150 del Club Alpino Italiano, socio fondatore insieme al Comune di Trento e al Comune di Bolzano del Trento Film Festival. “Il Trento Film Festival è un’ottima occasione per dare un messaggio della montagna che non sempre la tv riesce a trasmettere - sottolinea il presidente del Cai Umberto Martini, eccependo sulla fiction recentemente trasmessa sul K2, e sottolineando che “la storia va rispettata”.

Primo appuntamento in programma mercoledì 10 aprile a Trento, Andy Holzer racconterà la sua storia di alpinista estremo, cieco sulla cima del mondo. “Gli abbiamo dedicato un appuntamento in anteprima – spiega Luana Bisesti - ci presenterà il suo ultimo libro edito da Keller e il 25 partirà per la Turchia, che tra l’altro è il paese ospite della 61esima edizione del festival”.

“Per la giuria sarà veramente difficile assegnare quest’anno le Genziane d’Oro - dice Sergio Fant visibilmente soddisfatto per la selezione di opere in concorso - Arrivano anche da festival internazionali non strettamente legati al mondo della montagna. L’opera di ricerca è stata veramente importante come testimonia il cartellone della sessantunesima edizione: il meglio del contemporaneo senza rinunciare ad incursioni nella storia e negli archivi. Lo scorso anno abbiamo avuto una crescita del 25%, la sfida è migliorare questo risultato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il Filmfestival della Montagna: 61esima edizione con 120 film
TrentoToday è in caricamento