Economia Ledro

Un milione e 140mila euro in buoni per spesa, corsi, sport e libri di testo

Il Comune sostiene famiglie ed economia per il rilancio post Covid

A Ledro l'Amministrazione comunale ha pensato a un piano di sostegno finanziario per aiutare le famiglie e rilanciare i consumi sul territorio, in che modo? agevolando le famiglie e incrementando il fatturato delle attività commerciali e artigianali.

"Sosteniamo chi si occupa di sport e cultura, oltre a chi è impegnato nello studio - spiega il sindaco di Ledro, Renato Girardi -. Abbiamo stanziato 1 milione 140 mila euro, che erogheremo secondo tre direttrici: buoni spesa per 120 euro a persona, da usare nelle attività del nostro territorio; rimborsi fino a 350 euro per attività sportive e corsi; 200 euro per libri di testo. Un impegno che, credo, nessun altro Comune abbia messo in campo. Sono anche particolarmente soddisfatto perché la delibera e il regolamento sono stati approvati dall’intero consiglio comunale, con una sola astensione. Riusciamo a mettere in campo una somma davvero importante e c’è un motivo: diversi mesi fa, siamo stati tra i primi a ridurre le tasse per far fronte all’emergenza Covid, usando risorse comunali. Ora che sono arrivate le risorse dallo Stato, possiamo dunque moltiplicare lo sforzo».

Sono destinatarie del buono spesa tutte le famiglie residenti. A ognuna verranno recapitati buoni pari al numero dei componenti la famiglia. Il buono è stampato con modalità anti contraffazione, vale 120 euro suddivisi in “tagliandi” da 20 euro ciascuno. È nominativo e va utilizzato entro il 31 dicembre 2021. Non può essere utilizzato per gli acquisti di beni e servizi rientranti fra quelli detraibili ai fini fiscali (come le spese sanitarie, il bonus110% ecc).

La Giunta comunale approverà l’elenco delle attività dove potrà essere utilizzato il buono e l’elenco potrà essere aggiornato. Verrà pubblicizzato sul sito istituzionale e tramite gli organi di informazione. Nell’elenco ci saranno negozi ma anche artigiani e aziende per lavori, manutenzioni e riparazioni. È utilizzabile dal soggetto intestatario ma potrà essere ceduto, una sola volta, anche ad altro soggetto, secondo specifiche regole riportate nel regolamento.


Il buono va usato per importi di spesa almeno pari al suo valore e, nella lettera di accompagnamento alle famiglie, si farà appello perché chi può contribuisca a moltiplicare l’effetto di rilancio dei consumi, utilizzando quindi il buono per l’acquisto di beni o servizi di valore superiore all’importo di 20 euro. L’uso del singolo buono non è frazionabile in più acquisti in esercizi diversi e non darà diritto ad alcuna restituzione in denaro.

C'è poi il rimborso spese sport e cultura, per tutte le famiglie residenti, per attività sportive e culturali svolte dal primo gennaio 2021 al 31 dicembre 2021 e rivolte a bambini e ragazzi dagli 0 ai 18 anni compiuti nel 2021. Vale fino a 350 euro per bambino/ragazzo.

Il rimborso spese per i testi scolastici e universitari è destinato alle famiglie residenti per i libri acquistati nel corso del 2021, per gli studenti delle superiori e gli universitari fino al primo anno fuori corso (e comunque entro i 26 anni di età compiuti nel 2021): vale fino a 200 euro per studente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un milione e 140mila euro in buoni per spesa, corsi, sport e libri di testo

TrentoToday è in caricamento