menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università e lavoro, ad un anno dalla laurea il 71% è precario

I dati dell'istituto Almalaurea: il lavoro stabile (contratti a tempo indeterminato e lavoro autonomo) coinvolge, a un anno dalla laurea, 33 laureati su cento studenti di primo livello (la media nazionale è del 36%)

Il tasso di occupazione dei neolaureati triennali di Trento, è pari al 44%, un valore in linea con la media nazionale. L’occupazione tiene per i laureati di Trento di primo livello. Tra gli occupati triennali di Trento, il 26% è dedito esclusivamente al lavoro, il 18% coniuga la laurea specialistica con il lavoro. Chi continua gli studi con la laurea specialistica è il 64%: il 46% è impegnato esclusivamente nella laurea specialistica, mentre, come si è detto, il 18% studia e lavora. Il 7% dei laureati triennali di Trento non lavorando e non essendo iscritti alla laurea specialistica, si dichiarano alla ricerca di lavoro. 

Il lavoro stabile (contratti a tempo indeterminato e lavoro autonomo) coinvolge, a un anno dalla laurea, 33 laureati su cento di primo livello di Trento (la media nazionale è del 36%). Lavora in condizioni precarie (per la maggior parte con contratti a tempo determinato) il 67% dei laureati di Trento; è il 64% nel complesso dei laureati di primo livello.
 
Il guadagno (sintesi tra chi lavora esclusivamente, la maggioranza, e chi studia e lavora) si attesta su valori di poco superiori alla media nazionale: a un anno dalla laurea i laureati di primo livello di Trento guadagnano 990 euro mensili netti; la media nazionale è di 942 euro.  L’analisi deve tenere conto che si tratta di giovani che nella maggioranza dei casi continua gli studi, rimanda cioè al post-laurea di tipo specialistico il vero ingresso nel mondo del lavoro.
 
Il tasso di occupazione è molto buono: a dodici mesi dalla conclusione degli studi risulta occupato il 64% dei laureati specialistici dell’Università di Trento; un valore superiore alla media nazionale del 56%. Ma c’è anche il 18,5% dei laureati che continua la formazione (è il 14% a livello nazionale). Chi cerca lavoro è il 17,5% dei laureati specialistici di Trento, contro il 30% del totale laureati.
 
A un anno dalla laurea, il lavoro è stabile per il 28% dei laureati di Trento (è il 33% nella media nazionale). Il lavoro precario riguarda il 71% dei laureati di Trento (è il 67% a livello nazionale); prevalgono (37%) i contratti a tempo determinato. Il guadagno è superiore alla media nazionale: 1.178 euro mensili netti, contro i 1.056 del complesso dei laureati specialistici.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento