Cronaca

Rapina 5 coetanei, minore finisce in comunità

Il giovane è stato identificato incrociando le attività di prevenzione sul territorio e analizzando i video delle telecamere di sorveglianza

Accusato di essere l'autore di 5 rapine ai danni di alcuni coetanei tra Rovereto e Trento, un minorenne è stato portato in comunità. A eseguire la misura restrittiva sono state la questura di Trento e la polizia ferroviaria di Rovereto su disposizione della procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Trento.

Da qualche settimana gli uomini della Questura di Trento e della Polfer di Rovereto tenevano d’occhio le piazze più frequentate della città e le linee ferroviarie dopo alcune rapine avvenute nei confronti di giovani, soprattutto minori. I controlli rafforzati da parte della polizia di Stato erano volti a prevenire e contrastare il diffondersi di episodi di bullismo e di violenze tra minori.

Diverse, infatti, erano state le denunce di ragazzi spaventati che, in pieno giorno, mentre si trovavano a passeggiare con gli amici per le strade della città o erano sui treni che da Rovereto portano a Trento, erano stati minacciati con una chiave inglese da parte di un ragazzino anche solo per pochi euro.

Rapine, realizzate ricalcando quasi sempre lo stesso modus, denunciate successivamente ai fatti, perché i ragazzi rapinati in un primo momento erano troppo spaventati per chiamare il 112 e con un autore giovane sconosciuto alle vittime, ma che, in sede di denuncia, corrispondeva sempre alla stessa descrizione.

Dopo aver assunto le prime denunce gli agenti si sono messi immediatamente sulle tracce del rapinatore per scongiurare il verificarsi di altri episodi simili e restituire serenità a ragazzi e genitori della città. Dopo aver visionato ore e ore di filmati delle videocamere di sorveglianza della città per dare un volto al malfattore che nessuno conosceva, gli investigatori hanno, nelle stesse ore, avviato una serie di controlli a tappeto nelle piazze e sui treni per riuscire, in pochissimi giorni, a identificare il rapinatore.

Al termine delle indagini, dopo aver identificato l’autore, è stato possibile attribuire al minore diverse rapine, a seguito delle quali, nelle prime ore di venerdì mattina, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Trento, gli uomini Questura di Trento e della Polizia Ferroviaria di Rovereto hanno eseguito una misura restrittiva della libertà personale, portando il giovani in comunità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina 5 coetanei, minore finisce in comunità
TrentoToday è in caricamento