Treno delle Dolomiti: firmata l'intesa, Zaia sogna la Venezia-Cortina

Siglato oggi a Cortina l'accordo per uno studio di fattibilità finanziato da UE e fondi per i comuni confinanti. Il governatore veneto: "La suggestione è collegare Venezia e Cortina"

Porta le firme del presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher e del governatore del Veneto Luca Zaia l'accordo siglato oggi a Cortina per un nuovo collegamento ferroviario tra Val Pusteria e Cadore. L'accordo, sottoscritto alla presenza dei Ministro Delrio, prevede l'istituzione di un gruppo di lavoro bilaterale composto dalle società pubbliche Sistemi Territoriali, per il Veneto, e Strutture Trasporto Alto Adige, che avrà il compito di realizzare uno studio di fattibilità della futura "Ferrovia delle Dolomiti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda le cifre non c'è ancora alcuna idea, ma si tratta sicuramente di un'opera importante anche sotto il profilo finanziario. Lo studio sarà finanziato con fondi della Comunità europea e con quelli destinati ai comuni  confinanti. Si tratta in realtà del ripristino della ferrovia un tempo funzionante tra Dobbiaco e Cortina, sull cui tracciato si corre oggi la famosa gara di sci di fondo. Il presidente  del Veneto guarda avanti: "E' un grande proogetto che vogliamo lasciare alla stooria di questa Regione - ha detto ai cronisti del Gazzettino di Belluno - la suggestione è Venezia-Cortina". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento